Antonella Cimatti - Light installations 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/12/2018
Stranger Things, dalla serie tv al videogioco in 16-bit
18/12/2018
Oscar 2019: Dogman fuori dalle nomination come miglior film straniero
17/12/2018
Scoperta in Egitto la tomba di un alto sacerdote, perfettamente conservata dopo 4mila anni
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva RIUNIONE CATTOLICA E. TORRICELLI ​ Via Giulio Castellani 25 Faenza 48018

Faenza (RA) - dal 23 ottobre al 7 novembre 2010

Antonella Cimatti - Light installations

Antonella Cimatti - Light installations

 [Vedi la foto originale]
RIUNIONE CATTOLICA E. TORRICELLI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Giulio Castellani 25 (48018)
+39 0546 21268
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Mostra personale dell'artista e designer faentina: la porcellana si fa pizzo, la materia si sfa in luce
orario: ore 16-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 23 ottobre 2010. ore 17.30
curatori: Santa Cortesi
autori: Antonella Cimatti
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
ANTONELLA CIMATTI artista e designer faentina: la porcellana si fa pizzo, la materia si sfa in luce

Un’invitante penombra scherma l’abbagliante luce estiva nello studio di Antonella e mi schiude la limpida meraviglia di creazioni di rarefatta bellezza: il biancore di crespine- arabeschi in porcellana smaltate e non, grandi coppe a trina librate su trasparenti steli cristallini, candidi cuori ex voto con inserti in oro, immacolate farfalle in volo con le loro ombre lunghe riflesse sulla parete, deliziosi gattini ricamati a volute, piccoli pannelli al cui centro appaiono cartacei volti rosati di bimbo dal corpo vestito di stoffe preziose e raffinate passamanerie, citazioni di antiche immaginette sacre, un’alta clessidra e la sua più piccola sorella in calda terracotta smaterializzate in luce grazie ai mazzi ricadenti di fibre ottiche punteggiate anche di piccole perfette rose e altri graziosi fiori in porcellana, installazioni davvero suggestive.
L’incantevole leggerezza, la raffinata grazia ed eleganza che questa vita silente sprigiona non sono soltanto l’esito dell’inventiva, dell’estro, della energia creativa e del senso estetico che Antonella indubbiamente possiede, il frutto spontaneo o estemporaneo di un’intuizione, di un’idea luminosa, bensì si innestano e si radicano in una formazione di qualità ed eccellenza di artista e designer, al “Ballardini di Faenza, (ove Antonella tuttora insegna progettazione), all’Accademia di Belle Arti di Bologna, in una competenza continuamente aggiornata e perfezionata all’estero, che ha assimilato la tradizione ed è selettivamente attenta alle tendenze contemporanee, e si esprime in una tenace e feconda ricerca, in una progettualità, in una sperimentazione che richiede perizia nei complessi procedimenti e padronanza delle tecnologie e dei materiali.
Così Antonella, memore delle crespine rinascimentali in maiolica, i bianchi dello stile compendiario, ne ha ricreato una versione moderna in cui struttura e decorazione sono tutt’uno, nella sua collezione in bisquit di porcellana paperclay, cioè miscelata a carta per ottenere più resistenza nella fase di lavorazione, di manufatti quasi immateriali, impalpabili fili, arabeschi, pizzi traforati, filigrane di candide trine.
Il procedimento è complesso: dalla foggiatura a mano su supporti in refrattario, all’arte di aggiungere fili a volute di porcellana, alla cottura ad alta temperatura, all’assemblaggio su basi di vetro soffiato.
Le installazioni, “La Cascata”, “La Clessidra” puntano alla realizzazione di una scultura ambientale concentrata sulla creazione di luce mediante l’impiego della tecnologia in fibra ottica. Gli effetti sono quanto mai suggestivi ed evocativi: giochi di luci cangianti per cromie avvolgono i volumi plastici che si smaterializzano e si dissolvono nella leggerezza della luce.
Con pieno merito dunque, l’artista è nota a livello nazionale e internazionale, presente e premiata alle più prestigiose manifestazioni.
La vitalità creativa di Antonella, che serbando memoria della tradizione la rinnova, ha lasciato il suo segno, creando uno stile inconfondibile nella cifra di una porcellana e di una ceramica declinata al femminile convincente e incantevole, aperta a nuovi sviluppi.
Santa Cortesi

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram