Lo sguardo della fotografia sulla città ottocentesca. Milano 1839-1899 3069 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CASTELLO SFORZESCO ​ Piazza Castello Milano 20121

Milano - dal 29 ottobre 2010 al 10 gennaio 2011

Lo sguardo della fotografia sulla città ottocentesca. Milano 1839-1899

Lo sguardo della fotografia sulla città ottocentesca. Milano 1839-1899
CASTELLO SFORZESCO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Castello (20121)
+39 0288463700
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

una mostra che indaga il rapporto tra la fotografia e i mutamenti che
caratterizzano una città, Milano, avviata nell’Ottocento a divenire capitale culturale ed economica del nuovo Stato unitario.
orario: ore 9 – 19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 29 ottobre 2010.
editore: ALLEMANDI
curatori: Silvia Paoli
genere: documentaria, fotografia

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
«Lo sguardo della fotografia sulla città ottocentesca. Milano 1839-1899»: una mostra che indaga il rapporto tra la fotografia e i mutamenti che caratterizzano una città, Milano, avviata nell’Ottocento a divenire capitale culturale ed economica del nuovo Stato unitario. Un’indagine capillare svolta soprattutto sui preziosi fondi fotografici del Civico Archivio Fotografico di Milano e sulle fonti dell’epoca, manoscritte e a stampa, per far emergere nella sua ampiezza la storia della fotografia milanese e dei suoi protagonisti. Dalle incisioni alle vedute fotografiche dei grandi fotografi professionisti, tra i quali basti fare i nomi di Luigi Sacchi, Pompeo Pozzi, Giulio Rossi, Hippolyte Deroche e Francesco Heyland, il volume offre un ampio spettro di approfondimenti, dal rapporto dei fotografi con l’Accademia di Brera, o con le Istituzioni scientifiche, al rapporto tra fotografia e architettura e tra fotografia e sviluppo urbano. Ulteriori elementi d’indagine sono poi offerti dallo spoglio delle riviste d’epoca, anche del settore scientifico, dal regesto dei trattati d’argomento fotografico pubblicati a Milano, per concludere con le sezioni dedicate alle schede scientifiche delle fotografie e alle biografie dei fotografi, che restituiscono la mappa del professionismo milanese. Un utile strumento per gli studi e una rigorosa ricerca storica che contribuiscono a ribadire la centralità e l’importanza della fotografia all’interno della cultura dell’Ottocento.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram