PAN - PALAZZO DELLE ARTI NAPOLI - PALAZZO ROCCELLA - Napoli 3058 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/05/2019
Party like an Architect. Gli studi di architettura di Napoli si presentano, con Camparisoda
20/05/2019
Spolverare la memoria. Le scuole di Roma ricordano le vittime del nazismo
20/05/2019
Manifesto per una Bauhaus viva più che mai. La mostra targata RUFA al Pastificio Cerere
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

PAN - PALAZZO DELLE ARTI NAPOLI - PALAZZO ROCCELLA


 [Vedi la foto originale]
Napoli
Via Dei Mille 60 (80121)
+39 0817958600
pan@comune.napoli.it
prenota il tuo albergo a Napoli:
Booking.com
Exibart.alert - tieni d'occhio PAN - PALAZZO DELLE ARTI NAPOLI - PALAZZO ROCCELLA
individua sulla mappa Exisat
individua PAN - PALAZZO DELLE ARTI NAPOLI - PALAZZO ROCCELLA sullo stradario MapQuest
Stampa la scheda di PAN - PALAZZO DELLE ARTI NAPOLI - PALAZZO ROCCELLA
Eventi in corso nei dintorni di PAN - PALAZZO DELLE ARTI NAPOLI - PALAZZO ROCCELLA

individua sulla mappa

 
presentazione
Inizialmente adibito a residenza di campagna, l’edificio, collocato fuori le mura cittadine, entra già nel 1667 in possesso della famiglia Carafa attraverso una donazione fatta da Francesco di Sangro, Principe di San Severo, a Don Giuseppe Carafa.

Nel 1717 la “casa palaziata” coi suoi giardini e terreni viene ceduta per diecimila ducati a Ippolita Cantelmo Stuart, moglie di Vincenzo Maria Carafa, Principe di Roccella.
La donna incarica Luca Vecchioni, stretto collaboratore di Luigi Vanvitelli, di modificare l’edificio e le sue dipendenze. I lavori di trasformazione si protraggono per un decennio, dal 1755 al 1765.

Da questa data l’edificio appare completamente modificato: di ispirazione chiaramente “vanvitelliana”, e vero e proprio palazzo residenziale, è reso economicamente produttivo con numerosi locali destinati alla “locazione”.
Il progetto di Luca Vecchioni, ispirato a criteri di maggiore simmetria, dà al portone d’ingresso e allo scalone principale assoluta centralità, sfruttando le coperture delle costruzioni destinate all’affitto come terrazze del primo piano.

Tra il 1765 e il 1829 viene completato il secondo piano del Palazzo, mentre iniziano i lavori di realizzazione di alcune stanze del terzo.
In quegli anni si trasferiscono a Palazzo Carafa Roccella, Vincenzo Maria Carafa e la moglie Livia Doria. Gli inventari dell’epoca restituiscono l’immagine di un edificio di quarantacinque stanze, arredato con mobili sontuosi e dotato di una straordinaria quadreria.

Nel 1885 l’apertura della nuova arteria viaria, l’attuale Via dei Mille, taglia in due il Palazzo, distruggendone l’atrio coperto e isolando i fabbricati destinati ai fitti con i loro terrazzi di copertura.

Tra il 1950 e il 1959 il “giardino delle delizie”, annesso al Palazzo, viene definitivamente distrutto.

Nel febbraio del 1998 il Comune di Napoli destina l’uso di Palazzo Roccella a Centro per le Arti Contemporanee, dal 26 marzo 2005 Pan|Palazzo delle Arti Napoli.
 
immagini

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram