FONDAZIONE SANDRETTO RE REBAUDENGO - Torino 3069 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

FONDAZIONE SANDRETTO RE REBAUDENGO




 [Vedi la foto originale]
Torino
Via Modane 16 (10141)
+39 0113797600, +39 0113797601 (fax)
info@fsrr.org
www.fsrr.org
prenota il tuo albergo a Torino:
Booking.com
Exibart.alert - tieni d'occhio FONDAZIONE SANDRETTO RE REBAUDENGO
individua sulla mappa Exisat
individua FONDAZIONE SANDRETTO RE REBAUDENGO sullo stradario MapQuest
Stampa la scheda di FONDAZIONE SANDRETTO RE REBAUDENGO
Eventi in corso nei dintorni di FONDAZIONE SANDRETTO RE REBAUDENGO

individua sulla mappa

 
presentazione
La Fondazione Sandretto Re Rebaudengo , costituita a Torino il 6 aprile 1995, è un ente no-profit nato con lo scopo di affiancarsi e integrarsi all'offerta pubblica di cultura.
La fondazione lavora per far conoscere ad un pubblico sempre più ampio i fermenti e le attuali tendenze dell'arte contemporanea, ponendosi come osservatorio sulle più interessanti avanguardie; il vasto campo delle arti visive - pittura, scultura, fotografia, video, installazioni e performance - è in tal senso analizzato e proposto al pubblico attraverso molteplici attività affiancate alle mostre.

Con "Campo 95", la mostra fotografica presentata nel 1995 alle Corderie dell'Arsenale di Venezia per la celebrazione dei cento anni della Biennale, la Fondazione inizia una fitta programmazione espositiva, con eventi autonomamente prodotti e ospitati in varie sedi (Hara Museum di Tokyo, Sala del Canal de Isabel II di Madrid), e con esposizioni organizzate in collaborazione con altri centri internazionali di Arte Contemporanea (FRAC di Limoge e FRAC PACA, Kunsthalle di Kiel, Rupertinum di Salisburgo, Kunstverein di Ludwigsburg).

Nel 1996, la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo istituisce il Premio Regione Piemonte che diventa, con le edizioni successive, un appuntamento annuale, coinvolgendo artisti, curatori e critici di tutto il mondo.

Nel 1997 la Fondazione inaugura la sua prima sede espositiva a Guarene d'Alba (CN) all'interno del settecentesco Palazzo Re Rebaudengo. Oltre al Premio Regione Piemonte, le sale del palazzo, ristrutturate e adibite a spazi espositivi, ospitano regolarmente mostre internazionali, presentazioni di libri e di film, dibattiti, conferenze, laboratori didattici incentrati sulla lettura dell'opera d'arte contemporanea.

Nel settembre 2002 la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, per proseguire il suo impegno nella divulgazione delle arti visive, inaugura a Torino il nuovo spazio espositivo.
Il nuovo centro si pone come luogo di incontro e di confronto fra il pubblico e le nuove generazioni di artisti, critici, curatori.

____________________________________


Il centro per l'arte contemporanea della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, progettato dall'architetto Claudio Silvestrin e dall'ingegnere James Hardwick, occupa una superficie di 3.500 mq di cui più di 1000 mq adibiti a spazio espositivo. Accanto all'imponente spazio destinato alle mostre, una sala video di oltre 150 mq ospita le installazioni video e i progetti speciali.

L'edificio "si manifesta alla città in una forma longitudinale e silenziosa, richiamando "l'essere" senza tempo dell'architettura semplice, chiara, rigorosa" (C.Silvestrin). Gli spazi neutri ed essenziali sono concepiti per ospitare l'arte di oggi. L'orizzontalità dell'edificio permette di gestire la quotidianità operativa di un centro espositivo: dal trasporto e installazione delle opere fino alla facilità di percorso per il pubblico.
Il nuovo centro per l'arte contemporanea della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo è un nuovo polo culturale che nasce a Torino, città già viva e particolarmente attiva nel campo dell' arte contemporanea. Il nuovo spazio vuole rappresentare un punto di riferimento per gli appassionati e i conoscitori, e per chi al contemporaneo si deve ancora avvicinare.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram