marchio exibart.com  

Da Luciana l’arte è di casa

Inaugurare la nuova casa con un party? Troppo da “madama”. Meglio allora salutare le vecchie stanze con una mostra. Di giovani artisti della scuderia del gallerista bresciano Fabio Paris. E con un paio di pezzi della propria collezione. Ha fatto così Luciana Littizetto. E noi abbiamo scambiato quattro chiacchiere con lei, proprio il giorno dell’inaugurazione, nascosti sulle scale del condominio...

Luciana, partiamo banali banali: qual è il tuo rapporto con l’arte?
È una passione che è nata col tempo. Io non sono proprio brava con le mani. Ma mi affascina la materia, tutto ciò che si può manipolare, costruire… Sai, quand’ero un’adolescente andavo sempre alla Biennale di Venezia. Per vedere le cose strane, particolari, che attiravano l’attenzione! Ovviamente non potevo comprare niente; non avevo nemmeno i soldi per il catalogo! È nato tutto così, da una passione.

E cosa mi dici della situazione attuale? Vai alle inaugurazioni, negli studi degli artisti, nelle gallerie e nei musei?
Io non sono un’esperta. Mi piace andare a vedere le mostre, andare dagli artisti. Ma non sono una presenzialista. Non vado a tutti i vernissage, tanto per farmi vedere. Piuttosto sono incuriosita dal lavoro dei giovani, non solo nell’arte, ma anche in letteratura, nel cinema. In fondo non sono campi così lontani l’uno dall’altro. Da un certo punto di vista si compensano reciprocamente. Però nella televisione, nel cinema e anche nel teatro ci sono più opportunità per i giovani, mentre nell’arte è diverso. Molti spazi chiudono, è tutto più difficile.

Cosa succede? Sei preoccupata?
Sì. Secondo me adesso arriva l’amministratore e ci ammazza!

CarlaMatti-AMARILLIS-2004
Mi dicevi…

Ti dicevo, ci sono anche spazi off, spesso più interessanti, mentre le gallerie tendono a privilegiare sempre i soliti noti. E io intanto guardo, sbircio, compro qualcosina…

Cosa mi dici di “Non sono una santa”, la foto di Armida Gandini? Un ritratto splendido di una Luciana bambina.
L’ho comprata a un’edizione di Artissima, prima che Armida diventasse famosa. Non mi interessa “investire” nell’arte, ho un approccio diverso.

Senti, ma non ti starai mica inserendo nella scia delle collezioniste torinesi, insieme a Marella Agnelli e Patrizia Sandretto?
Noooo! La mia è una piccola collezione, per carità!

 HelgaFranza-hello dear Kamikaze
Quale ruolo ha Fabio Paris? È il tuo consulente?

Mmmm, Fabio non è un consulente. Ho comprato delle cose da lui, ma anche in altre gallerie. Un consulente non direi. Lui è un gallerista e io sono un suo cliente.

Cos’hai comprato ultimamente? E cosa ti piacerebbe avere?
Eh eh, ho comprato una foto di Araki! E poi mi piacerebbe… Come si chiama? Non mi ricordo… Quelle distese di neve bianchissima, con le figurine piccole, gli sciatori…

Walter Niedermayr? Ha fatto una personale recentemente al Museion di Bolzano...
Ecco, proprio lui. Mi piace molto. Mi sa che però è caro! In effetti, i lavori dei giovani dovrebbero essere più abbordabili, dico per i prezzi. Sennò non è arte fatta per altri giovani. I cd li puoi masterizzare se non hai i soldi! Ma con l’arte come fai?! Sarebbe bello se tutti potessero comprare dei lavori, che il mercato dell’arte non fosse rivolto solo ai ricchi…

Niente male… una vera teoria del mercato dell’arte. Ci saranno sviluppi?
Oddio, no! Nessuno sviluppo, che i galleristi torinesi stiano tranquilli!

bio: Luciana Littizzetto (Torino, 1964) è diplomata in pianoforte e laureata in lettere. Ha insegnato a lungo musica nelle scuole medie. Ha esordito nel mondo dello spettacolo negli anni ’90 e da allora ha collezionato partecipazioni esilaranti a programmi tv, ha intepretato film ed ha scritto libri. E’ attualmente una delle primissime attrici comiche italiane. Il suo ultimo film, Se devo essere sincera (di Davide Ferrario, 2004, con Luciana Littizzetto, Neri Marcorè, Dino Abbescia, Donatella Finocchiaro), è nelle sale dell’8 ottobre.

a cura di marco enrico giacomelli

articoli correlati
La notizia della mostra
Personale di Niedermayr al Museion
Armida Gandini da 41artecontemporanea a Torino
Carla Mattii in personale a Cupramarittima
Bruno Muzzolini nell’ambito della Biennale bresciana di fotografia
link correlati
Il sito di Littizzetto


quarto piano, porta a destra: citofonare Luciana. Collettiva nella casa di Luciana Littizzetto con 10 artisti
Via Cibrario, 54 – Torino
Artisti invitati: Andrea Caretto e Raffaella Spagna, Tatiana Festi, Helga Franza, Armida Gandini, Federico Lanaro, Carla Mattii, Bruno Muzzolini, Dario Neira, Federico Solmi, Tonylight
A cura di Fabio Paris
Orario: tutti i giorni dalle 16 alle 20; domenica 26 settembre dalle 16 alle 18
Ingresso libero
Info: Fabio Paris Art Gallery, tel. 030-3756139; fabio@fabioparisartgallery.com; www.fabioparisartgallery.com
Catalogo disponibile, testo di Luciana Littizzetto


[exibart]