La Net Art nelle Biennali - Venezia e Valencia accolgono l'arte in Rete 3066 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/05/2019
Manifesto per una Bauhaus viva più che mai. La mostra targata RUFA al Pastificio Cerere
18/05/2019
Ai Weiwei mette a dura prova la Kunstsammlung di Dusseldorf
17/05/2019
Artists Development Programme 2019. Tra i vincitori del concorso anche Pamela Diamante
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

La Net Art nelle Biennali
Venezia e Valencia accolgono l'arte in Rete

   
 La Net Art continua il suo processo di istituzionalizzazione e approda sul palcoscenico delle Biennali. Dalla storica manifestazione veneziana alla giovanissima kermesse spagnola... Valentina Tanni 
 
pubblicato
Dopo la statunitense Whitney Biennal, che nel 2000 aveva aperto le porte alle sperimentazioni d'artista in Rete, quest'anno è la volta di Venezia e Valencia che, sebbene con approcci e modalità diverse, offrono assaggi di creatività on-line.
La Net Art è arrivata in laguna grazie all'iniziativa di Aurora Fonda, curatrice del Padiglione Sloveno, che ha invitato a partecipare il pioniere di questa corrente artistica, Vuk Cosic e, come ospiti "stranieri", gli italiani 0100101110101101.ORG. All'interno della piccola galleria A+A sono esposti due lavori "storici" di Cosic, riallestiti in modo mirato per adattarsi alla fruizione in uno spazio "fisico". Su un computer al piano terra è possibile vedere Documenta Done, il famoso sito clone della decima edizione di Documenta, che inaugurò, nel lontano 1997, una lunga serie di siti "plagiati", mentre al secondo piano un videoproiettore stampa sulla parete le ormai arcinote icone di History of Art for Airports, la storia dell'arte rivisitata attraverso l'uso della segnaletica areoportuale.
Il collettivo 0100101110101101.ORG ha lanciato invece il chiacchieratissimo virus biennale.py in collaborazione con il gruppo milanese EpidemiC. Nella galleria sono esposti due computer "infettati", un grande telone con il codice sorgente del virus e due ordini di teche trasparenti contenti il cd rom del programma (disponibile al costo di 1500 dollari) e magliette con stampato il medesimo codice.
Ma non finisce qui, il vulcanico Cosic ha organizzato una sezione collaterale, parte integrante del progetto, il padiglione della Net.art, battezzato "Temporary Autonomous Pavillion". Allestito in una piccola chiesa dismessa -S. Maria del Soccorso- il padiglione ha presentato, nei tre giorni del vernissage, una selezione di artisti comprendente, tra gli altri, Tom Jennings, l'inventore di Fidonet, Vinyl Video che presenta una singolare tecnologia per la compressione del segnale video nei solchi dei vinili, Heath Bunting e la corporation sovversiva Rtmark.
Un'approccio alla Rete praticamente opposto al concettualismo e al programmatico Low tech del Padiglione veneziano, è quello che caratterizza la selezione valenciana.
La Biennale di Valencia ha organizzato una sezione espressamente dedicata alla Web Art intitolata El Mundo Nuevo (all'interno della sezione "Il Corpo dell'Arte" dedicata alla cultura contemporanea e ai nuovi linguaggi) a cura di KwArt e Shockart.net. La selezione, realizzata per Shockart da Gianluca del Gobbo ed Emanuela Nobile Mino, comprende trentadue artisti provenienti da tutto il mondo, nel tentativo di offrire un campionario ampio e variegato delle possibilità che la Rete offre alla creatività. A parte il duo 0100101110101101.ORG + EpidemiC, che presenta anche in questa occasione l'estetica del codice sorgente del virus in codice Python, gli altri progetti (tra cui Squidsoup di James Lane e Anthony Rowe, Melondezign, Lucilla Loddi, Niko Stumpo, Robert Hodgin) sembrano concentrarsi sull'aspetto visivo ed estetico delle opere, attraverso la creazione di ambienti multimediali immersivi. Moltissime le animazioni realizzate mediante il player Shockwave Flash, con lunghi tempi di caricamento, sottofondi musicali ambient e miriadi di link da inseguire.
La prossima Biennale, quella di Tirana -organizzata da Giancarlo Politi, editore di Flash Art- inaugurerà a settembre e avrà anch'essa, l'immancabile sezione Web curata in questo caso niente meno che da Miltos Manetas e intitolata "10 Hours".

Articoli correlati
Speciale Biennale di Venezia
Il Padiglione sloveno
Un virus chiamato Biennale: 01.org a Venezia
Forum e sondaggi correlati
E' iniziata la Biennale, ci andrai?
La Biennale di Venezia: il forum dei lettori
Link correlati
www.ljudmila.org/~vuk/
www.shockart.net
www.0100101110101101.org/

Valentina Tanni

[exibart]


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Valentina Tanni
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: 0100101110101101.ORG, Aurora Fonda, Dem, Emanuela Nobile, Emanuela Nobile Mino, Giancarlo Politi, Miltos Manetas, Rossi, Valentina Tanni
 

3 commenti trovati  

30/03/2002
Antonio Sassu, Torreglia Pd Italy
http://www.grupposinestetico.it
Interessante una sezione Mail-Art o Mail-net

Un network tra artisti di tutto il mondo

antonio Sassu
sinesteta


21/07/2001
Costantino, Fi
E' proprio la tua materia. Hai mai pensato di scrivere un libro sulla Net Art? Non credo ci sia niente in Italia... Sarebbe un bel progetto:-)

19/07/2001
Alf
Meritava l'editoriale. Brava Vale.

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram