resoconto - Mnemocyne - Pesaro, Chiesa della Maddalena 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

resoconto
Mnemocyne
Pesaro, Chiesa della Maddalena

   
 Dall’Atlante di Warburg, un flusso d’immagini multimediali. Per indagare con ironia e disincanto questioni e aspetti sociali. Liberando un punto di vista capace di rinnovare il concetto di arte pubblica e contemporanea... gian paolo grattarola 
 
pubblicato
L’immagine cattura nei trascorsi giovanili di una Miami versione anni ‘80, mirabilmente evocata dall’immaginario di Luis Gispert nel film sperimentale Smother; risucchia nell’alienante paesaggio sociale di Jesper Just, dove personaggi attoniti e disorientati vagano alla ricerca di una dimensione appagante; ferma dinanzi alla spietata precisione con cui Steven Klein scava nelle increspature dell’animo umano e consegna l’icona inedita di una Madonna capace di risvegliare dal torpore della coscienza; immerge nella cinematografia di Andrea Dojmi, che ha la cadenza naturale e insieme imprevedibile della vita; rapisce nei languori scettici con cui Biorn Melhus smonta l’illusorio sogno collettivo della società americana.
E ancora, aggioga felicemente attorno alla tassonomia di Stefano Graziani, conducendo all’interno di un paesaggio antropizzato, sorprendente e incantato; ammalia attraverso il concupiscente linguaggio della bellezza di Sharon Stone, o gli sguardi magnetici di Jack Nicholson e Clint Eastwood, in virtù del sapiente montaggio scenico con cui Candice Breitz destruttura e assembla momenti salienti del grande cinema hollywoodiano; spiazza nelle enigmatiche claustrofobie di Clemens Von Wedemeyer; seduce con il tocco incantevole della sensibilità sofferta, con cui Guido Van Der Werve rompe le combinazioni degli schemi sociali nella ricerca di un’astrazione espressiva; insegue senza scampo nelle ulteriori opere presenti in mostra, da Nico Vascellari a Tony Oursler, da Richard Kern a Klaus Thymann, da Christelle Lheureux a Gaston Ramirez Feltrin.
Nadia Hironaka & Matthew Suib - The Soft Epic; or, Savages of the Pacific - 2008
Nell’ambito della programmazione del Festival del Cinema di Pesaro 50°, quest’esposizione ha l’obiettivo di mettere a fuoco la ricerca condotta nell’ambito dell’arte contemporanea e del cinema sperimentale da una prestigiosa selezione di artisti di maggior fama internazionale, attraverso l’impiego di diversi strumenti: installazioni, fotografie, video, audio e performance. Una particolarità che consente, attraverso un percorso multimediale, di condensare e decrittare gli enigmi della vita da tutti punti di osservazione possibili, perlustrando vaste zone d’ombra con finezza psicologica. Ma anche di far emergere tutta una serie di tradizioni culturali in rapporto con le principali situazioni e questioni sociali in corso di evoluzione, dove l’artista adotta una posizione critica ma anche partecipativa.
Partendo dall’atlante figurativo di Aby Warburg, Camilla Boemio ha allargato il punto di vista, confrontandosi con un contesto più ampio, costituito da immagini ironiche, spietate, poetiche, che non ritraggono mai il reale, ma lo indagano con un puntiglio disarmante, che è attraversato talvolta da un’inattesa vena disincantata.
Tony Oursler - Nymphea - 2002 - video - 34'53
Un progetto ad alto impatto emotivo, che ha l’ambizioso pregio di rinnovare il concetto di arte pubblica, nell’intento di svolgere azione di sensibilizzazione e, se necessario, di smascheramento e disturbo.

articoli correlati
I Quaderni Warburg Italia

gian paolo grattarola
mostra visitata il 13 giugno 2009


dal 13 al 28 giugno 2009
Mnemocyne. L'Atlante delle immagini
a cura di Camilla Boemio
Chiesa della Maddalena
Via Zacconi - 61100 Pesaro
Orario: tutti i giorni ore 17.30-20 e 21-23
Ingresso libero
Info: tel. +39 0721387651; centroartivisive@comune.pearo.ps.it; www.centroartivisivepescheria.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di gian paolo grattarola
vedi calendario delle mostre nella provincia Pesaro
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Camilla Boemio, Christelle Lheureux, Clemens von Wedemeyer, Gaston Ramirez Feltrin, Klaus Thymann, Nico Vascellari, Richard Kern, Tony Oursler
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram