fino al 13.I.2007 - Tonylight - Brescia, Fabio Paris Art Gallery 3058 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
24/06/2019
Creare un'opera in galleria. A Parma il secondo appuntamento di ART in PROGRESS
24/06/2019
A Lucca torna LuBi, la Biennale internazionale della carta. Aperte le iscrizioni per partecipare all’evento
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 13.I.2007
Tonylight
Brescia, Fabio Paris Art Gallery

   
 Una riflessione sulla precarietà, portata avanti a colpi di led luminosi. La prima personale di Tonylight mette in gioco la luce. Cercando di farla parlare. Il risultato non è affatto scontato... Domenico Quaranta 
 
pubblicato
Uno dei principali equivoci in cui si cade quando si pensa all'uso artistico delle tecnologie si basa sulla convinzione che questo debba necessariamente produrre un lavoro autoreferenziale, in cui linguaggio e contenuto arrivino a coincidere. E questo nonostante personaggi come Dan Flavin ci abbiano insegnato che una luce al neon può esprimere molto di più della semplice poeticità di una luce al neon.
Il lavoro di Antonio Cavadini (Tonylight), presentato per la prima volta in una personale dalla galleria Fabio Paris, corre particolarmente il rischio di stimolare questo equivoco. Eppure pochi lavori ne sono, come il suo, completamente estranei. Il suo amore per le macchine e l'elettronica non è un amore da tecnofilo, ma si radica in una profonda consapevolezza del loro contesto culturale e del loro ruolo sociale. Quando si appropria di un hard disk o di un Gameboy, li manipola e li fa suonare, Tonylight mette in gioco sia il ruolo sociale di questi oggetti, sia le emozioni e i ricordi che questi suoni (quello sincopato di un HD inceppato, quello infantile e pieno di reminiscenze di un sintetizzatore a 8bit) suscitano in noi.
Nella mostra da Paris non troveremo traccia della ricerca musicale di Tonylight, che lavora tra l'altro con i milanesi Otolab e suona musica 8bit nei club di mezza Italia. General Electric si concentra piuttosto sull'altro medium fondamentale per la sua ricerca artistica: la luce. Il suo percorso parte, idealmente, da una centralina posta su un lato della galleria, si snoda lungo una sorta di algido cordone ombelicale appollaiato su tre poveri, e alquanto provvisori, tralicci in legno (General Electric, 2006); si arrampica su per gli scalini di una bizzarra scaletta installata orizzontalmente in un angolo del soffitto della galleria (Tecnologia Maya, 2005). Infine scende ad animare un piccolo monitor home-made popolandolo con i simpatici alieni di Space Invaders, un videogame che ha un posto nel cuore (e nell'infanzia) di tutti noi (Space LED, 2006).
Tonylight, General Electric - servizio elettronico centrale, installazione, 2006. courtesy Fabio Paris Art Gallery
La tecnologia utilizzata ovunque è il led luminoso: una tecnologia povera, la cui luce intermittente e colorata fa pensare ai grandi billboard che vengono utilizzati per lanciare messaggi informativi o pubblicitari nelle strade e nelle piazze. Ma nel lavoro di Tonylight viene completamente destrutturata per modellare flussi di luce e atmosfere psichedeliche. La riflessione sulla precarietà ritorna in tutti i lavori: precarietà della corrente elettrica e della luce, una risorsa preziosa che diamo troppo per scontata. Ma anche la precarietà del nostro presente, provvisorio come i tralicci da cantiere che reggono questa instabile impalcatura, pronta ad essere demolita da un momento all'altro. Una precarietà a cui Tonylight risponde facendo appello alla forza della fantasia e della meraviglia, come il bambino della parabola del Subcomandante Marcos che ha ispirato Tecnologia Maya: capace di risolvere, con un piccolo ribaltamento di prospettiva, una questione di vita o di morte.
Da General Electric si esce più consapevoli, ma anche più leggeri. E per una mostra non è niente male...

articoli correlati
Da Luciana l’arte è di casa
link correlati
Tonylight
Otolab

domenico quaranta
mostra visitata il 18 novembre 2006


Tonylight - General Electric
Fabio Paris Art Gallery, via A. Monti 13 - 25121 Brescia
da lunedì a sabato, 15.00 – 19.00
Tel. +39 030 3756139, fax +39 0302907539 (fax)
fabio@fabioparisartgallery.com - www.fabioparisartgallery.com


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Domenico Quaranta
vedi calendario delle mostre nella provincia Milano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Dan Flavin, Dem, Domenico Quaranta, Fabio Paris, Tonylight
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram