opere permanenti - Bianco-Valente - Buccino (sa), Museo Archeologico 3058 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

opere permanenti
Bianco-Valente
Buccino (sa), Museo Archeologico

   
 Un terremoto e la sua memoria. Fili che si intrecciano, in maniera metaforica e non. E una serie di frasi che commentano e ricamano sull’accaduto. In un paesino del salernitano... antonello tolve 
 
pubblicato
L'uomo e la sua storia. Il racconto. Il mito e il rito. E poi, ancora, i nodi pungenti della relazione estetica. Attorno a questi fili sottili, Bianco-Valente (Giovanna Bianco, Latronico, Potenza, 1962; Pino Valente, Napoli, 1967. Vivono a Napoli) hanno costruito, di recente, un discorso socio-antropologico che punta a descrivere i brani di una vicenda collettiva - il terremoto del 23 novembre 1980 - per dar vita a una tela della memoria che trasforma la voce in linguaggio scritto e, gradualmente, in segno, in disegno, in corpo grafico, in tessitura verbale che avvolge e stravolge lo spazio per farsi specchio del tempo, simbolo di una ferita, immagine indelebile.
Muovendo da una raccolta di narrazioni prodotte da una giovane generazione (che ha vissuto il sisma del 1980 attraverso un ricordo trasversale, un resoconto familiare o la traccia mnemonica di un turbamento infantile) e da una serie di testimoni di età più avanzata, Bianco-Valente hanno tramato - dall'8 novembre 2010 al 6 gennaio 2011 - un racconto visivo che invita lo spettatore a immergersi in un tragitto storico che ritorna, appunto, come tessuto estetico per riflettere sull'arcaico e l'attuale. Ma anche sull'importanza di un passato che ritorna ancora come piaga, come questione aperta.
Bianco-Valente - Come il vento - 2010
Composta da un video di circa 20 minuti e da un agglomerato indipendente di frasi trascritte a carboncino dagli abitanti di Buccino nella futura Sala della memoria, Come il vento - questo il titolo dell'installazione permanente progettata da Bianco-Valente per il terzo piano del Museo Archeologico Nazionale Marcello Gigante di Volcei - è, dunque, brezza di un racconto collettivo che, oltre a raccogliere le testimonianze e le calligrafie altrui, propone l'immagine pulsante e totalizzante di una violenta calamità naturale.
"La civiltà dell'avere”, si legge in una delle tante frasi che popolano le pareti, "apparve come un gigante dai piedi d'argilla che si frantumava; solo la civiltà dell'essere si intravide come l'unico valore irrinunziabile e stabile tra la polvere delle macerie». «Un vento violento ci travolse”, si legge in un'altra non molto distante, "ma all'istante ci prese come in un abbraccio e miracolosamente”.
Il ricordo degli altri è, in questo modo, ingrediente necessario a costruire un diaframma di storia che coniuga l'estetico all'artistico (la vaporizzazione alla centralizzazione dell'opera, a detta di Filiberto Menna interprete di Baudelaire e lettore di Argan) per condurre un lavoro in progressione, in continua crescita e metamorfosi.
Bianco-Valente - Come il vento - 2010
Come il vento
è, dunque, luogo d'emozione diffusa, paese silenzioso che trattiene il ricordo (l'angoscia e la paura) e lo esprime mediante una partitura visuale libera. Liberamente aperta a uno spettatore che si fa attore per comporre (ricostruire le ferite?) un paesaggio in cui il racconto si lega al ricordo per produrre un ordito che non sa più qual mano si fece spola a intrecciarne i fili.

articoli correlati
L’arte, che Potenza

Bianco-Valente a Roma
Alla Gam di Gallarate

antonello tolve
installazione visitata il 6 gennaio 2011


dal 6 gennaio 2011
Bianco-Valente
Museo Archeologico Nazionale Marcello Gigante di Volcei
Via Municipio, 1 -
84021 Buccino (SA)
Info:
www.volcei.net

[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di antonello tolve
vedi calendario delle mostre nella provincia Salerno
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: antonello tolve, Bianco-Valente, Charles Pierre Baudelaire, Filiberto Menna
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram