saggi - Cromofobia - (bruno mondadori 2001) 3071 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/04/2019
Whisky e arte a go go, nella nuova distilleria di Bob Dylan
18/04/2019
Cannes 2019: ecco tutti i film in concorso alla 72esima edizione del Festival
18/04/2019
Weekend romantico nella Maison Blu di Monet a Giverny
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

saggi
Cromofobia
(bruno mondadori 2001)

   
 L’inglese David Batchelor ci guida in un singolare viaggio nella percezione culturale del colore e soprattutto nella paura del colore insita nella civiltà occidentale. Una gamma molto ampia di riferimenti -architettura, pittura e cinema- sembrano dimostrare la sua suggestiva teoria… Christian Caliandro 
 
pubblicato
Il punto di partenza è fornito dall’interno della casa di un collezionista americano, esempio del ‘purismo’ di certa architettura contemporanea presuntamente minimalista. Essa – con il suo bianco assoluto, luttuoso e annichilente, sviscerato nei suoi aspetti più terribili già da Melville e Conrad - si configura, agli occhi dello studioso inglese, come la compiuta espressione di una cultura, continuamente affiorante, che non si pone dubbi e che esclude tutto ciò che è al di fuori di sé, compromesso con il ‘mondo’.
Questa cultura ha radici lontane che partono dall’antichità (Aristotele e Platone) e, passando per Charles Blanc e Edwin Abbott, arrivano fino alla nascita del Modernismo (Le Corbusier). La tesi di Batchelor è che, da questo punto di vista, il colore sia stato sempre considerato un elemento eversivo, pericoloso, perturbante e degradante, perciò da controllare rigidamente o da ignorare categoricamente: per dimostrarlo, l’autore indaga a fondo anche lo stretto legame concettuale tra colore e droga, analizzando i testi di Huysmans, Huxley, e persino le copertine dei dischi degli anni Sessanta.
L’ampiezza dei riferimenti è in effetti ammirevole: oltre alla pittura, un posto importante è riservato al cinema (Il mago di Oz, La congiura dei Boiardi, Il corridoio della paura, Il cielo sopra Berlino, Pleasantville), sicuramente il luogo principale in cui cercare il dialogo tra un bianco-e-nero ‘originariamente vero’ e un colore ‘cosmetico’ (Barthes). Anche la filosofia del linguaggio gioca un ruolo fondamentale, dato che svela tutti i limiti e le conseguenze culturali di una designazione puramente verbale del colore.
In conclusione del testo, l’autore studia anche il concetto opposto all’avversione per il colore, la cromofilia. Appaiono evidenti così la riduttività e la banalità dell’associazione tra arte minimal ed eliminazione del colore: Batchelor sfata questo mito storico-critico, dimostrando invece come non solo le tinte tipicamente minimal siano vicinissime a quelle pop, ma soprattutto che proprio negli anni Sessanta si debba individuare una svolta essenziale nell’approccio creativo al colore. Warhol, Stella, Judd, Smithson sono solo alcuni degli artisti che cominciano ad individuare nel colore un privilegiato medium di accesso nel territorio della realtà, e a considerare dunque come una “promessa” ciò che era stato “spesso confuso per una minaccia”.

articoli correlati
Per una semiotica del linguaggio visivo, di Meyer Shapiro

christian caliandro


Cromofobia. Storia della paura del colore / David Batchelor; traduzione di Michele Sampaolo - Milano: Bruno Mondadori, 2001. 168 p; 17 cm. - ISBN 88-424-9768-1., Prezzo: 11,36 euro. Contatti: Bruno Mondadori Editore, via Archimede 3, 20129, Milano. Tel. 02748231, fax 025456845, web www.brunomondadori.com

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Christian Caliandro
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Aristotele, Bruno Mondadori, Christian Caliandro, Conrad, David Batchelor, Judd, Le Corbusier, Melville, Meyer Shapiro, Platone, Warhol
 

1 commento trovato 

01/06/2003
dan, roma
ciao!
finalmente è stato recensito (uscito un anno fa e passa), a me è piaciuto molto.
ma c'è un neo, alla mondadori mi hanno detto che è fuori catalogo, mannagina, io lo volevo regalare ad un amica, alchè ho ripiegato su "colore" di Boll.....
è piaciuto lo stesso!:)
ciao ciao


Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram