fino al 24.II.2008 - LatinoLatino - Napoli, Trip 3130 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 24.II.2008
LatinoLatino
Napoli, Trip

   
 Sette sedi, una traccia comune: la provenienza sudamericana degli artisti. La tappa di Napoli presenta nomi noti e lavori molto vari, divisi negli spazi polifunzionali di Trip. Una ricerca che parte dal locale per approdare al globale... alessandra troncone 
 
pubblicato
Uno scambio tra Paesi del Sud. L’America Latina ci mette gli artisti, l’Italia meridionale le sedi. Il tutto all’insegna di una grande varietà, sia di nomi che di opere, evidentemente molte legate ai luoghi d’origine degli artisti coinvolti. La tappa di Napoli trova il proprio fulcro in Trip, spazio polifunzionale nel quale ci si muove tra più ambienti, alla ricerca delle opere in mostra.
Nella sala espositiva vera e propria si incontrano subito i lavori di Liset Castillo, splendidi paesaggi di sabbia ricostruiti in studio e fotografati come fossero distese sconfinate. Le strutture ricreate hanno un sapore arcaico, che richiama alla memoria costruzioni precolombiane. Allo stesso tempo, la plasmabilità del paesaggio si propone come possibilità per una città ideale, illuminata dalle luci di un tramonto coloratissimo. Sulla parete di fronte, Catalina Restrepo Leongómez e Marisol Maza costruiscono collage di ricordi. La prima assembla frammenti del proprio immaginario domestico, fotografando dettagli e riportando i testi battuti a macchina dal padre. Marisol Maza insiste invece sul valore metalinguistico della fotografia, campionando ritratti di familiari conservati in ciondoli e portafogli. Un intenso dialogo viene a crearsi tra le mani in primo piano di chi, orgoglioso, presenta la fototessera di amici e parenti, e i piccoli volti, carichi di valore affettivo.
Liset Castillo - Western Civilization - 2006 - C-print montata su dibond - cm 122x175 - courtesy Bonelli Arte, Mantova
In un angolo compare l’opera di Regina José Galindo, performer che ha eletto il suo corpo quale mezzo privilegiato per la propria ricerca artistica. Un forte getto d’acqua colpisce la figura nuda dell’artista, che tenta di sottrarvisi con fermezza, affermando dunque la determinazione femminile al cospetto delle discriminazioni maschiliste. Alla resistenza di Galindo fa eco il lavoro di Tania Bruguera, una serie di scritte che proclamano The Revolution is on, pregne di rimandi alla storia cubana ma anche invito a un allargamento di vedute universale.
Lontano dalla gigantesca installazione al Madre nel 2006, AssumeVividAstroFocus è presente con un pappagallo raffigurato su plexiglas, inequivocabile rimando ai carnevali di Rio, mentre il disegno con il cioccolato di Vik Muniz, nella sua fattura pop, non può non richiamare le radici stesse del cacao, legate proprio alla civiltà azteca.
Veduta parziale della mostra con le opere di Regina José Galindo, Catalina Restrepo Leongomez e Marisol Maza
Tutto solo, in una sala pensata apposta per le proiezioni, il video di Sebastiano Mauri, artista italo-argentino che fa delle contaminazioni culturali il proprio ambito di ricerca. Sullo sfondo di un drappo caravaggesco ruotano statuine e idoli di diverse divinità religiose, dissolvendosi le une negli altri. Una colonna sonora multietnica funge da raccordo con le immagini, alimentando il senso di una condivisione sociale e culturale. Leit motiv dell’intera mostra, che sembra culminare nel lavoro di Maria Rosa Jijon, un video incentrato sul corretto, e proficuo, smaltimento dei rifiuti. Tema scottante, che si rivela solido legame con la città partenopea. Come a dire, todo el mundo es pais.

articoli correlati
La via latina alla Biennale di Venezia

alessandra troncone
mostra visitata il 2 febbraio 2008


dal 24 gennaio al 24 febbraio 2008
LatinoLatino
a cura di Raffaella Guidobono
Trip
Via Martucci, 64 (zona Chiaia) - 80121 Napoli
Orari: martedì e mercoledì ore 11-20; giovedì, venerdì e sabato ore 11-22
Ingresso libero
Info: tel. +39 08119568994; trip@cra.na.it; www.cra.na.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di alessandra troncone
vedi calendario delle mostre nella provincia Napoli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Catalina Restrepo Leongómez, Liset Castillo, Maria Rosa Jijon, Marisol Maza, Raffaella Guidobono, Regina José Galindo, Sebastiano Mauri, Tania Bruguera, Vik Muniz
 

trovamostre
@exibart on instagram