fino al 15.I.2012 - Imbalance and Insecutity - Milano, Galleria Amy-D 3109 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/04/2019
Il Whitney Museum di New York mette online le risorse sulla sua biennale
20/04/2019
Le squadre della Eredivisie giocano a calcio con Rembrandt
19/04/2019
Whisky e arte a go go, nella nuova distilleria di Bob Dylan
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 15.I.2012
Imbalance and Insecutity
Milano, Galleria Amy-D

   
 Una collettiva in cui ciascun artista tratta il tema della precarieta'. Partecipano: Alexander Brodsky, Azadeh Safdari, Giuseppe Buffoli, Alessio Tibaldi, Claudia Maina, Emilia Castioni, Nicola Felice Torcoli, Nicoletta Braga… tiziana leopizzi 
 
pubblicato
Tematiche come il mercato, la crisi economica, la precarietà sono più che frequenti oggi. Riflessione che si concretizza negli spazi della galleria i quali progetti sono pensati in una osmosi continua tra arte contemporanea ed economia, e lo si percepisce anche dalla presa di posizione nel voler partecipare non tanto alle fiere di settore come Step09, ma anche a quelle di robotica, il Matching, dell'energia alternativa, della moda, mantenendo come primo desiderio quello di valorizzare la ricerca artistica accostando agli artisti emergenti quelli già affermati all’interno di un dialogo continuo, una continua crescita. In Imbalance and Insecutity, mostra che sfocia dal progetto "Balance” presentato a Step09, queste tematiche si fanno mostra, in particolare qui la precarietà è esplorata attraverso singoli episodi diventando elemento distintivo della poetica di numerosi artisti. Il nucleo di artisti chiamati a partecipare al progetto, pur proponendo lavori diversi tra loro condividono molteplici volontà comunicative mantenendo salde caratteristiche di sobrietà, dinamismo, antimonumentalità, spazialità, caducità dove la precarietà è considerata come condivisione esistenziale. Iniziamo il percorso con le fotografie di Azadeh Safdari che indagano il movimento conturbante e talvolta instabile delle sue danzatrici, alla ricerca di un’armonia naturale , celata dalla scelta cromatica; per giungere alla fragilità dell’installazione di Alessio Tibaldi: un’indagine sui processi naturali e sociali attraverso l’uso riciclato di un materiale delicato e biodegradabile sul quale fluttuano scure sagome umane,  in continuo viaggio.

null

Rimanendo nell’ambito del riuso e del riciclo, Emilia Castioni e Nicola Torcoli costruiscono dei paesaggi immaginari attraverso il riposizionamento di diversi materiali ed oggetti come scarti del prodotto industriale immersi in una vegetazione vera, una ricerca di un possibile equilibrio tra oggetto e soggetto. Claudia Maina attraverso i suoi palazzi, costruiti con oggetti di vetro all’interno dei quali compaiono piccole scene di uomini di legno in scenografie create col ferro, riflette sull’identità e incomunicabilità dell’uomo contemporaneo, sempre alla ricerca di un equilibrio sospeso. Giungiamo alle grandi installazioni che predominano nel centro delle stanze. Nell’installazione di Alexander Brodsky, artista che nei suoi lavori indaga il tema della memoria, sono presenti dei pesi simili a quelli delle vecchie bilance realizzati in creta che assumono la funzione di fermacarte per impedire ai messaggi scritti su foglietti di carta di volare via. Nell’altra stanza è protagonista il lavoro di Giuseppe Buffoli: un’installazione in cui l’artista si avvale del legno, che seppur di grandi dimensioni riflette sulla immutabile instabilità della scultura, in cui tutto si basa su un equilibrio delle forze, delle strutture, delle masse e dei materiali dove il magnetismo, imprevedibile e imponderabile è elemento caratterizzante tutta la sua produzione artistica.

null

Infine la performance di Nicoletta Braga che sarà protagonista del finissage, attraverso la quale l’artista indaga l’equilibrio precario in relazione alla questione economica del vivere con riferimento alla dimensione onirica, progettuale e immaginaria comune. Ma il tutto non finisce qui, infatti il progetto prevede successivamente a questa mostra il presentare una serie di mini personali dedicate ai singoli artisti accompagnate da contributi teorici e eventi con diversi studiosi e critici.  
 

tiziana leopizzi
mostra visitata il 1 dicembre 2011
 
 
dal primo dicembre 2011 al 15 gennaio 2012
Imbalance and Insecutity
Galleria Amy-D
Via Lovanio 6 (20124) Milano
Orario: da lunedì a venerdì ore 9-12 e 14.30-19, sabato e domenica su appuntamento 
Ingresso libero
Info: +39 02654872,
info@amyd.it, www.amyd.it

 
[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di tiziana leopizzi
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alessio Tibaldi, Alexander Brodsky, Azadeh Safdari, Claudia Maina, Emilia Castioni, Giuseppe Buffoli, Nicola Felice Torcoli, Nicoletta Braga, tiziana leopizzi
 

1 commento trovato 

08/12/2011
Anna d'Ambrosio, Milano
Grazie per l'attenzione e curiosità prestata dalla V.S redazione.

A.d


Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram