fino al 22.VII.2012 - Contemporary Locus 1 - Bergamo, Luogo Pio Colleoni 3097 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/03/2019
Una nuova identità per l'ex Manifattura Tabacchi di Cagliari. 5mila euro al vincitore
23/03/2019
Un nuovo investitore per Wopart. Alberto Rusconi punta sulla fiera di Lugano
22/03/2019
Il Design Museum di Londra dedica una grande mostra a Stanley Kubrick
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 22.VII.2012
Contemporary Locus 1
Bergamo, Luogo Pio Colleoni

   
 La relazione, il confronto, tra contemporaneità e stratificazione del passato. La scoperta di luoghi inediti all’interno del tessuto urbano, inaugurata dall'arte di Huma Bhabha e di Francesco Carone -  chiara bocchi 
 
pubblicato
Sviluppare un concept efficace, ragionare intorno allo spazio nel quale si lavora, attuare un piano di comunicazione sostenibile: sono solo alcune delle questioni che rendono l'efficacia di un progetto di arte contemporanea. E Contemporary locus sembra non voler rinunciare a nessuna di queste priorità. Il progetto espositivo, curato da Paola Tognon con la collaborazione di Paola Vischetti, è suddiviso in tre tappe e prevede l’azione di artisti contemporanei in luoghi segreti di Bergamo, in ambienti che da decenni (o addirittura secoli) non sono più accessibili. L'iniziativa si pone come un momento di relazione e confronto tra l’arte contemporanea e la stratificazione del passato, per essere anche scoperta di luoghi inediti all’interno del tessuto urbano. 

Veduta dell'installazione di Francesco Carone

Così nella parte medioevale di Bergamo, Contemporary locus 1 (la prima delle tre tappe del progetto) permette la riscoperta del quattrocentesco Luogo Pio Colleoni attraverso le creazioni di due artisti, di diversa generazione ed esperienza. Nella Sala Storica, le statue marmoree di Giovanni Antonio Amadeo (in origine sulla facciata della Cappella Colleoni) si incontrano e si scontrano, per materialità e cromie, con le sculture introspettive di Huma Bhabha (artista pakistana, classe 1962, attiva da anni negli Stati Uniti): fattezze umane,  brutali ed energiche, che trasmettono un percepibile senso di ignoto, contrapposte all’equilibrio della statuaria rinascimentale. Nella Sala del Consiglio, l’italiano Francesco Carone (Siena, 1975) si inserisce invece nello spazio attraverso la realizzazione di un'opera site-specific che, con attitudine di mimesi, abbraccia la solennità della stanza e dei suoi affreschi. Scoglio, l'opera di marmo e conchiglie, nella sua semplicità, diventa il fulcro dello spazio per un gioco di spiazzamento sensibile. Così come l’opera Seme, il nocciolo intagliato nel legno di pesco, che solo l’occhio più vigile può intercettare. Accanto alle due sale, quasi sospeso sul tessuto urbano, l’accesso ad un antico orto pensile di struttura medioevale: percorrerlo significa ribadire l’inedita sospensione temporale che si registra nell’esposizione di Bhabha e Carone.

chiara bocchi
mostra visitata il 3 giugno 2012


dal 27 maggio al 22 luglio 2012 
Contemporary Locus 1 - Huma Bhabha, Francesco Carone
a cura di Paola Tognon, in collaborazione con Paola Vischetti
Luogo Pio Colleoni, Istituto Bartolomeo Colleoni 
Via Bartolomeo Colleoni 11, Città Alta Bergamo 
Orario: sabato e domenica, 10.00/13.00 e 15.00-19.00 
Info: www.contemporarylocus.it



 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di chiara bocchi
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram