Fluido rosa 3107 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fluido rosa

   
 Le donne ai giardini  
 
Fluido rosa
pubblicato

Avevo salutato ieri Patrizia Sandretto con la promessa che avrei avuto un occhio di riguardo alle donne. Così è stato. Non uno sguardo femminista, ma una ricerca limpida ed attenta. Ho deciso però di concentrarmi sui lavori per poi vedere il genere dell'artista. Così faccio, e mi aggiro tra i padiglioni. La Svizzera ha una fila piuttosto lunga, e questa cosa ancora non ho capito se ha un significato positivo; decido però di tentare. Dopo venti minuti mi trovo davanti un grande spazio, inaccessibile, dove si vede solo dell'acqua rosa che si muove leggermente. Una sensazione di leggerezza che ti invita quasi a provare ad entrare in quel luogo inaccessibile.

Giardini, Pamela Rosenkranz, foto altrospazio

Giardini, Pamela Rosenkranz, foto altrospazio

Prendo il materiale stampa e vado via, intuendo il genere, e mi dirigo al padiglione giapponese. Anche lì lo stupore; una installazione con circa trecento chiavi provenienti da tutto il mondo, appese a fili che convergono verso delle navi poste al centro della sala. Qui non mi serve prendere la cartella stampa, lo capisco che è frutto di una donna. Chiavi raccolte da tutto il mondo, ognuna con una storia dietro. Poteva forse non essere un lavoro femminile?

Giardini, Chiharu Shiota, foto altrospazio

Mi spiazza invece la Russia, perché il lavoro è forte, tosto, non indugia né vuole essere fintamente estetico. Ne parlo con Pietro Gaglianó e Chiara Mu, che mi aiutano a leggere meglio il lavoro. Pietro mi dice che gli piace ‹‹perché recupera la dimensione culturale sovietica, considerando che il regime è già stato metabolizzato››. Ci penso, ed in effetti ha ragione.

Giardini, Irina Nakhova, foto altrospazio

Mi dirigo poi verso la mostra del curatore, che per inciso non mi entusiasma come quella vista all'Arsenale, ma il lavoro della Barba mi colpisce.

Giardini, mostra Enwezor, foto altrospazio

Giardini, mostra Enwezor, foto altrospazio

Stesso effetto mi fa quello di Elisabetta Benassi al padiglione belga, ben strutturato potente ed incisivo.

Giardini, Elisabetta Benassi, foto altrospazio

Tra i padiglioni anche quello inglese appartiene alla quota rosa, ma qui Sarah Lucas appare piuttosto pesante, con una estetica formalizzante ed a tratti quasi retorica. Forse è arrivato il tempo di guardare avanti.

Giardini, Sarah Lucas, foto altrospazio

s.v.

foto altrospazio
 

 
     
   (0) 

I no della Biennale

 
     
 
     
   (0) 

Fuori dalla Biennale

 
     
 
     
   (1) 

Un ultimo sguardo sui giardini

 
     
 
     
   (0) 

I tic della Biennale

 
     
 
     
   (0) 

Arsenale

 
     
 
     
   (3) 

Arsenale

 
     
 
     
   (0) 

Biennale 2015, il blog

 
     
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram