Fino al 27.VIII.2017 - Thea Djordjadze / Fausto Melotti - La Triennale di Milano 3103 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/09/2018
Addio alla regina dell’editoria Inge Feltrinelli
19/09/2018
Paolo Icaro dona le fotografie del suo Prato in quattro tempi all'Università di Milano
19/09/2018
Gucci ha lanciato un account instagram dedicato agli amanti dell'arte
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 27.VIII.2017
Thea Djordjadze / Fausto Melotti
La Triennale di Milano

   
  Roberta Palma 
 
Fino al 27.VIII.2017 - Thea Djordjadze / Fausto Melotti - La Triennale di Milano
pubblicato

Ricordate la celebre invettiva di Umberto Eco contro i musei moderni? Impossibile per l’occhio umano assimilare tutte quelle opere e quelle informazioni contemporaneamente – sosteneva – bisognerebbe dedicare percorsi interi a una solo grande capolavoro.
Ma mentre i musei monocapolavoro non sono ancora stati inventati, per i fautori del "poco ma buono” esistono mostre come quella di Thea Djordjadze e Fausto Melotti alla Triennale di Milano. La mostra, curata da Lorenzo Giusti, è un delicato dialogo tra venticinque teatrini di Fausto Melotti – tutti provenienti da collezioni private – e il lavoro creato su misura dall’artista georgiana, classe 1971, che vive e lavora in Germania.
Una sala bianca e luminosa. Dai finestroni finalmente scoperti, fanno colore gli alberi immobili del parco Sempione. Non si fa in tempo a entrare nella sala di Abbandonando un’era che abbiamo trovato invivibile che già si percepisce, come alla vista di un palcoscenico ancora vuoto, il calare di un metafisico silenzio.

Thea Djordjadze-Fausto Melotti
In una ricercata combinazione di leggerezza e accostamenti tonali, le sculture flessibili di Thea Djordjadze "sollevano” i teatrini di Fausto Melotti. A metà tra design e scultura astratta, sono strutture di acciaio, sottili e leggere ma formalmente perfette, che condividono la stessa natura dei teatrini: assemblage di materiali poveri e oggetti di uso comune privati della loro originaria funzione. Come a sostenere la fragilità di questi preziosi diorami, le strutture di Djordjadze restituiscono un nuovo peso – se di peso si possa mai parlare – alle effimere scatole sceniche dello scultore roveretano.
Secondo Barilli, la capacità di Melotti stava nel ridurre la materia. Una materia povera – terracotta e gesso, pezzi di stoffa e di metallo come riciclati – che diventa sottile, diafana, fatta di vuoti che parlano tanto quanto i pieni. Non è un caso, se nelle sue regole, Melotti dichiara che l’arte si rivolge all’intelletto e non ai sensi, decretando la sottomissione del gesto e della materia stessa. Nei suoi teatrini, realizzati tra gli anni Quaranta e la metà degli Ottanta, una ricerca considerata minore nella storia dell’artista, ma oggi fonte di incredibile fascino.
Si accorge evidentemente della regola dell’arte astratta, del fascino del mito, della metafisica e degli studi su Le Corbusier l’artista georgiana, per fare della sua scultura supporto, opera site specific e dialogo con una delle voci più melodiose dell’arte italiana.

 

Roberta Palma
mostra visitata il 9 agosto

Dal 7 luglio al 27 agosto 2017
Thea Djordjadze Fausto Melotti
Abbandonando un’era che abbiamo trovato invivibile
La Triennale di Milano
viale Alemagna 6, Milano
orari: martedì-domenica 10.30-20.30
info: www.latriennale.org

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Roberta Palma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram