Fino al 20.II.2018 - Joana Escoval, I’m the son of that drum - Galleria Acappella, Napoli 3083 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/05/2019
Storie di gioielli. Pompei e le Cicladi scoprono i loro tesori
21/05/2019
Mibac: c'è il via agli elenchi dei professionisti dei beni culturali
21/05/2019
Stanco e malinconico. Il secondo ritratto di Leonardo da Vinci in mostra a Buckingham Palace
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 20.II.2018
Joana Escoval, I’m the son of that drum
Galleria Acappella, Napoli

   
  Chiara Barone 
 
Fino al 20.II.2018 - Joana Escoval, I’m the son of that drum  - Galleria Acappella, Napoli
pubblicato

Si definisce percezione, «il prendere coscienza di una realtà che si considera esterna, attraverso stimoli sensoriali». Questo processo si basa ovviamente sulla coscienza del singolo individuo, soprattutto in una prima fase di approccio, avvertire lo stimolo e poi, solo in un secondo momento, nella visione della realizzazione di esso, «base quindi della conoscenza e dell’interazione con la realtà interna ed esterna all’organismo». 
Ma quello che si percepisce entrando nella stanza della Galleria Acappella di Corrado Folinea, unisce tutto sotto un’unica sensazione: Energia. Fonte d’ispirazione e legame indissolubile tra le opere di Joana Escoval (1982, Lisbona), che con la sua sensibilità è riuscita a creare una tensione positiva, quasi mistica, nel white box di Folinea. Un suggerimento implicito alla contemplazione delle opere, idea che tende a estendersi fino alla vita quotidiana, per percepirne anche il minimo cambiamento tra un secondo e l’altro. Tutto è basato, quindi, sullo spostamento d’aria e dell’interazione che essa esercita sull’esistenza, niente e nessuno ne è immune. Esempio manifesto è l’opera Thunder. Fili d’oro sospesi nel vuoto che oscillano all’accenno di un movimento nelle vicinanze o ancora più suggestiva è la vibrazione che ne scaturisce dalla parete di sostegno. 

null
Joana Escoval, I’m the son of that drum

Casuali ma predestinati, sono i fogli, che il vento ha portato sul pavimento, di un famoso processo americano, basato sulla contrapposizione di regole scritte delle nuove società con le tradizioni, di sola successione orale, dei nativi americani. Cultura emblema per il forte legame con la terra, la materialità e la forza energetica che sprigiona. 
Le forme geometriche che si susseguono sulle pareti sono sinuose, per creare degli spazi circolari, forte è il richiamo al senso della vita, come l’aver inserito due conchiglie nel muro bianco, creando degli occhi vigili sulla sala. Connessione anche alla cultura orientale, con l’opera Asian wind, nell’estetica un reticolato d’argento bronzato che crea una successione di squame di pesce che copre appena una vecchia pagina di libro. 
Più elementi, tutti rigorosamente lavorati a mano, con leghe che affrontano trasformazioni ma che non si deteriorano, composizioni semplici ma strutturate, per creare un’unica armonia, con un unico scopo: ascoltare.

Chiara Barone
Mostra visitata il 2 dicembre 2017

Dal 2 dicembre 2017 al 20 febbraio 2018 
Joana Escoval, I’m the son of that drum
Galleria Acappella
Vico Santa Maria a Cappella Vecchia 8/A – 80121, Napoli
Orari: Dal martedì al venerdì, dalle 16.30 alle 19.30. Sabato dalle 11.30 alle 14.00
Info: galleriacappella@gmail.com

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Chiara Barone
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram