Gli “Scripts” per Palermo - di Giorgio Vasta 3114 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/10/2018
Dopo 25 anni la statua di Zeus in trono torna a Baia
20/10/2018
Notturni da Chopin a Carlo Mattioli. All’Auditorium di Parma, concerto dedicato all’artista
20/10/2018
Il Sub-Marine di Giusva Pecoraino approda a Palermo

+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Gli “Scripts” per Palermo
di Giorgio Vasta

   
 Terzo appuntamento per avvicinarsi a “Il Giardino Planetario”. Stavolta a rispondere alle nostre domande (che potrete trovare in versione integrale su Exibart 101) è Giorgio Vasta.   
 
Gli “Scripts” per Palermo - di Giorgio Vasta -
pubblicato

Giorgio Vasta è nato a Palermo nel 1970. Scrittore e sceneggiatore, collabora con diverse testate nazionali come La Repubblica, Il Sole 24 Ore e Il Manifesto. Insegna alla Holden School e lo IED a Torino, tre le altre. Il suo primo romanzo, "Il tempo materiale”, pubblicato da Minimum Fax nel 2008, è stato tradotto in undici Paesi e ha vinto in Francia il Prix Ulysses e candidato al Premio Strega 2009. Con Emma Dante, e con la collaborazione di Licia Eminenti, ha scritto la sceneggiatura del film "Via Castellana Bandiera” (2013). Il suo ultimo libro è "Assolutamente nulla. Storie e sparizioni nei deserti americani” (2016) con Ramak Fazel.
Quali peculiarità hai riscontrato tornando a Palermo e come hai interpretato o sfidato il rapporto con il Mediterraneo e con la Sicilia? 
«Palermo è la città in cui sono nato e cresciuto e dalla quale sono mancato – senza che mai mi mancasse – per circa vent’anni. In una delle registrazioni audio raccolte per City Scripts [il progetto di Vasta per Manifesta, ndr] si sente la voce di un uomo – sta viaggiando su un autobus – che esclama in dialetto «Palermo è bastarda, Palermo è bastarda». L’intenzione del suo commento è evidentemente critica, ma questa frase ha soprattutto la capacità di descrivere una condizione strutturale della città. Palermo è bastarda nel senso che è mescolata, meticcia, ibridata. Lo è a partire dalla provenienza di chi la abita, nella composizione sociale, nella morfologia degli spazi (in un certo senso Palermo è un luogo che porta il concetto di superfetazione alle sue estreme conseguenze). City Scripts intende captare proprio questa struttura meticcia – e del resto il Mediterraneo è, in modo del tutto naturale, lo spazio del mescolamento».

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram