La performer nuda a Lourdes 3050 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/11/2018
Addio a Eimuntas Nekrosiu, maestro di teatro dalla visione innovativa e potente
20/11/2018
Tutto pronto per la settima edizione del Premio Fabbri. Sabato i vincitori
20/11/2018
Una grande mostra dedicata a Frida Kahlo inaugurerà al Brooklyn Museum di New York
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

La performer nuda a Lourdes

   
   
 
La performer nuda a Lourdes
pubblicato

Deborah De Robertis si spoglia a Lourdes, e si mette in scena come la Vergine Maria nel santuario più popolare della Francia.
È una "affermazione femminista”, ed è anche dimostrazione di come si origina la vita. Ma i pellegrini sono sconvolti, arriva la polizia, e la De Robertis – che in passato si era spogliata anche al Musée d’Orsay – viene coperta, e ovviamente dovrà rispondere (stando alle prime notizie) dell’accusa di esibizionismo in tribunale.
"Nelle religioni monoteistiche, Maria è il modello femminile più rappresentato, il più conosciuto e quindi il più sfruttato – ha spiegato la performer. La figura di Maria a Lourdes è alla fine altrettanto sfruttata come il volto della Gioconda al Louvre. È la gallina che depone le uova d'oro, guida l'economia della città mariana. Come la Gioconda, la sua testa può essere trovata su tazze, magliette e portachiavi”. 
Contro la mercificazione non solo del corpo ma anche della fede? In qualche modo sì. Un po’ seguendo la parabola del "via i mercanti dal tempio”, De Robertis si chiede: "Cosa succederebbe se i rapporti di forza fossero invertiti, e la statua della Vergine fosse incarnata come una vera donna per riconquistare la proprietà del suo corpo? Che cosa accadrebbe se la donna la cui vulva è stata dipinta da Courbet uscisse dal quadro e utilizzasse l'istituzione a proprio vantaggio e non viceversa? Incarnando i modelli femminili il mio obiettivo è liberarli dal contesto in cui sono congelati e quindi invertire il punto di vista sul piano storico, politico e artistico”.
Il santuario ha ovviamente condannato l’azione, scusandosi con i pellegrini presenti, soprattutto alle famiglie con bambini: "Deploriamo un tale disprezzo per la coscienza religiosa e la libertà di culto, e chiediamo rispetto per la santità dei nostri luoghi di culto in conformità con il principio della libertà religiosa”. 
Viva Deborah! 

Fonte: Artnet


 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

4 commenti trovati  

28/09/2018
Vincenzo, Roma
Trovate da baraccone fatte passare per arte.

13/09/2018
Verità
Patetica.
Triste come la contemporaneità.


06/09/2018
GIOVANNI ROMAN, TREVISO
Ma queste domande non poteva porle in altra sede? Siamo ai livelli di mediocrità e scontatezza di Oliviero Toscani ...

05/09/2018
Piero, Ravenna
Pur di far parlare di se... cosa non si fa, il resto è un inutile blaterare di inciviltà e maleducazione, come sempre si prende di mira la religione cristiana, perché se lo facessero con altri culti rischierebbero veramente qualcosa, mentre così passano per progressiste ...

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram