MODA 3028 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/11/2018
Addio a Eimuntas Nekrosiu, maestro di teatro dalla visione innovativa e potente
20/11/2018
Tutto pronto per la settima edizione del Premio Fabbri. Sabato i vincitori
20/11/2018
Una grande mostra dedicata a Frida Kahlo inaugurerà al Brooklyn Museum di New York
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

MODA

   
 Una riflessione sui talenti dello stile “emigrati”, nei giorni della “ritrovata” intolleranza
di Chiara Antille
 Chiara Antille 
 
MODA
pubblicato

Diana Vreeland, nella sua autobiografia, scrisse che il colore dei pull-over Balenciaga cambiava a seconda della città in cui venivano indossati. Nel paese natìo di Cristobal risplendevano di colori accesi. Probabilmente perché quei pull-over erano legati indissolubilmente alla loro terra. 
Lo stesso legame vale anche per molti di noi: una piccola parte del nostro cuore pulsa per il Paese in cui nasciamo. Abbandonare quel Paese significa fratturare una parte della nostra emotività. 
Yohji Yamamoto, ad esempio, nasce in una Tokyo devastata dai bombardamenti della seconda guerra mondiale. Dopo aver completato i suoi studi universitari in una prestigiosa università giapponese, la sua fortuna sarà Parigi che lo accoglierà e lo adotterà. Egli stesso afferma di sentirsi più europeo che giapponese. 

null
Yohji Yamamoto

Così come la madre di Pat McGrath che si trasferisce in Inghilterra dalla Giamaica, con delle prospettive di vita migliori. La figlia sarà definita dal dio Vogue «La più influente make-up artist del mondo».
Quel talento di Edward Enninful, fashion editor di British Vogue, ha dei ricordi sfocati del suo Paese, il Ghana, perché era molto piccolo quando lo lasciò per trasferirsi a Londra con la sua famiglia. 
Deve aver vissuto momenti difficili anche Helmut Newton, padre della sensualità nella fotografia di moda, quando è stato costretto a lasciare la Germania a causa delle leggi razziali naziste contro gli ebrei. 
E Paco Rabanne che vide la Francia come un’àncora di salvezza per sfuggire alla guerra civile spagnola. 
Citando, infine, Pierre Cardin italiano naturalizzato francese perché i suoi genitori caddero in miseria dopo la prima guerra mondiale. 
Per concludere: ci assumiamo la responsabilità di bloccare "ognuno a casa loro” con i propri sogni? 

Chiara Antille

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Chiara Antille
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram