Fino al 9.X.2018 - Giorgio Cutini, Sequenza/Occasioni - Villa Lysis, Capri 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/01/2019
L’Africa di Sebastiao Salgado, in un caffe letterario di Reggio Emilia
23/01/2019
Aperto il nuovo bando di Italian Council. 621mila euro per l’arte contemporanea
22/01/2019
A Cremona il sindaco vieta i rumori. Via alle registrazioni del suono dei violini di Stradivari e del Guarneri
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 9.X.2018
Giorgio Cutini, Sequenza/Occasioni
Villa Lysis, Capri

   
  Giovanna Bile 
 
Fino al 9.X.2018 - Giorgio Cutini, Sequenza/Occasioni - Villa Lysis, Capri
pubblicato

Costruita nel 1905 dal conte Fersen sull’impervia collina che secoli addietro è stata eletta dall’imperatore Tiberio propria dimora caprese, Villa Lysis è un moderno tempio "sacro all’amore e al dolore”, come riportato con tessere musive dorate sulla trabeazione del porticato di accesso.
Dall’8 settembre al 9 ottobre, questo scrigno bianco, che svela richiami alla secessione viennese e all’eclettismo esotico, ospita la mostra "Sequenza/Occasioni”, personale del fotografo Giorgio Cutini, a cura di Marina Guida e realizzata in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Capri, con il Patrocinio del Comune di Capri ed il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee.
Le 15 opere in bianco e nero, databili tra il 1972 e il 2017, sono organizzate nelle sezioni "Sequenze” e "Occasioni” e ripercorrono la ricerca estetica del fotografo anconetano che contempla, come sottolinea la curatrice, «non solo il lavoro pensato e programmato, studiato e progettato, ma anche la presenza di scatti singoli, purché, tuttavia, essi abbiano una qualche validità espressiva e comunicativa». 
La sezione "Occasioni” è in larga parte composta da fotogrammi recuperati, immagini frutto del caso, non pianificate né ricercate, piuttosto incursioni spontanee del reale nell’obiettivo di Cutini. 
Le "Sequenze”, invece, realizzate con una macchina fotografica stenopeica, si sostanziano, sempre con le parole di Marina Guida, della «tensione tra successione e scatto singolo, tra scomposizione, (ri-)composizione, e l’inserimento di corpi apparentemente – ma non troppo – estranei». 

null
Giorgio Cutini, Sequenza/Occasioni

È il caso di Piena di te è la curva del silenzio, opera in cui il tema dell’interazione tra uomo e natura viene sviluppato a partire dal susseguirsi di sei fotogrammi, più vicino allo svolgimento di una pellicola cinematografica che alla narrazione puntuale della poetica dell’istante che ha tradizionalmente caratterizzato la fotografia.
Ciò che esiste è scandagliato dal mezzo fotografico, attraverso la componente tecnica ma soprattutto attraverso la sedimentazione di una pluralità di interpretazioni che risiedono nei sensi del fotografo stesso, della curatrice, del visitatore. Uomo e natura, memoria e istante sono i temi che Cutini propone e sui quali soffermarsi lontani dall’incessante divenire della mondanità, immersi nella macchia mediterranea e affacciati sul blu del mare di Capri. 
Le uniche due fotografie a colori del 1985 sono dichiarati omaggi all’isola: Ho comprato un pezzo di mare, immagine dalla resa materica dell’increspatura delle onde e del declinarsi delle tonalità di blu saturate dal modificarsi della luce, e Villa San Michele - Capri, nella quale, da diversa angolazione e circondata dalla roccia, si affaccia la stessa sfinge egizia in granito che ispirò Luigi Ghirri nel 1981 e che continua ad essere nei millenni simbolo enigmatico del pensiero.

Giovanna Bile 
Mostra visitata il 10 settembre 2018

Dal 9 settembre al 9 ottobre 2018
Giorgio Cutini, Sequenza/Occasioni
Villa Lysis, via Lo Capo 12 – 80076, Capri
Orari: da lunedì a domenica, dalle 10 alle 18. Chiuso il mercoledì
Info: mariachiara@salvanelli.it

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Giovanna Bile
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram