Cosa ci fanno i mediatori tra noi e l’arte? 3066 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/02/2019
Chi è Giorgio Barbero Corsetti, neodirettore del Teatro di Roma – Teatro Nazionale
19/02/2019
David Hockney racconta l’evoluzione delle immagini in un libro illustrato per bambini
19/02/2019
Scalare Machu Picchu con la sedia a rotelle? Da oggi si può, con Wheel the World
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Cosa ci fanno i mediatori tra noi e l’arte?

   
 A Milano c’è qualcuno che sta cercando di rendere più semplice il dialogo tra collezioni, mercato e investimenti. Ecco le opinioni, e i perché, di alcuni professionisti

 Roberta Palma 
 
Cosa ci fanno i mediatori tra noi e l’arte?
pubblicato

Il mondo dell’arte, si sa, è bello perché è vario. E perché è ricco. Cresce, rappresentando sempre più un’occasione di investimento, ma allo stesso tempo resta un terreno misterioso - e non salvo da rischi - anche per i più appassionati. Investire, gestire una collezione, orientarsi nel mercato, riconoscere opere autentiche e documenti affidabili: nulla è come sembra quando si parla di capolavori e grandi artisti (o presunti tali). Ma quali sono le figure professionali che aiutano la mediazione nel mondo e nel mercato d’arte?
Nella meravigliosa sala della Musica di Palazzo Turati a parlare, coordinati da Giovanni Nicola Giudice di ADR Arte, ci sono l’avvocato esperto di mediazione Mario Francesco Dotti, la storica dell’arte e curatrice americana Sharon Hecker, Samanta Lombardi, Avvocato e Head of Wealth Solutions Italy di Edmond De Rothschild, Clarice Pecori Giraldi, Art Collection Manager e fondatrice di CPG Art Advisory e Silvia Stabile - Avvocato, Focus Team Arte e Beni Culturali, BonelliErede.
Come fa notare Sharon Hecker, collezionare opere d’arte richiede un attento equilibrio tra passione e cautela, pancia e mente, non sempre facile da trovare. In più, se nei Paesi anglosassoni buone pratiche e nuove figure professionali sono una realtà, in Italia parlare di Due diligence, Art advisor o di management delle collezioni è cosa ancora misteriosa - come affermano Clarice Pecori Giraldi e Silvia Stabile. Regole poche, professionisti anche, forse perché in Italia è l’umanista il detentore della professionalità in campo dell’arte? Si, ma spesso e giustamente, manca di capacità manageriali. Secondo la Hecker - esperta di Medardo Rosso, un curriculum di pubblicazioni e curatela internazionali - nemmeno gli storici dell’arte sono a proprio agio nel sistema, anzi, si tengono spesso in disparte, lasciando che sia il potente mercato a dettar legge. Il suo intervento è un’incredibile carrellata di fatti e misfatti: dalla triste mostra di falsi di Modigliani al colossale caso della galleria Knoedler, che riuscì a vendere falsi Rothko e Pollock per milioni - nonostante alla firma di Pollock mancasse la c! Sorridiamo e lo sappiamo: casi eclatanti e così disastrosi sono possibili solo nella giostra dell’arte, ed è questo anche un po’ del suo fascino. Ma come evitare che collezionare arte moderna si trasformi in un’esperienza delirante? Districarsi tra le opinioni di critici in poltrona, le false attribuzioni, le storie da commercianti per affidarsi ai fatti, o meglio, a uno standard uguale per tutti - dice Sharon Hecker. Qui il lavoro di mediazione consiste nel proporre uno standard per la due diligence: l’Hecker Standard è l’identikit di un’opera d’arte che comprende la sua storia reale, supportata da prove concrete, pareri di esperti riconosciuti, studi specifici e analisi tecniche. 

null
Milano Palazzo Turati

Lo storico dell’arte media vestendo un po’ i panni del detective, per far luce e chiarezza nelle spesso torbide storie di creazione, cessione e compravendita delle opere d’arte. 
È sempre difficile comprendere il mercato e le sue regole da esterni e l’idea che le attribuzioni delle opere cambino nel tempo non è certo un concetto scontato (e gradito). Nel suo intervento Clarice Pecori Gilardi aggiunge un tassello: come convincere a cambiare i collezionisti vecchio stampo, restii a confrontarsi con la realtà e il passare degli anni? Secondo la Pecori Giraldi - per anni ai vertici di case d’asta come Christie’s e Phillips - un buon art advisor è un mediatore in grado di dire al suo cliente anche quello che non vorrebbe sapere e di guidare i collezionisti nelle giuste scelte per vendere, ampliare o dividere una collezione. 
Forse non è una gran preoccupazione per la maggior parte di noi, ma quanta fatica e denaro costa avere una collezione d’arte? 
Ecco un consiglio che sarebbe stato utile alla famiglia Torlonia - leggetene pure le ultime disgraziate vicende qui.

null
Milano Palazzo Turati, sala della musica

Non è un caso, racconta Silvia Stabile, che nei virtuosi Paesi anglosassoni, dove considerare l’arte in termini economici non fa così paura, esista convenzionalmente la Family Art Charter: la carta dei valori che riguarda una collezione di opere d’arte. Come un manifesto, questo documento definisce la storia e la specificità della collezione e prevede la creazione di organismi ad hoc come il "family art assembly” o "l’art council”. Un secondo caso di standard, strumento di mediazione prezioso per la gestione condivisa di un grosso patrimonio, che consente di proteggere e valorizzare le collezioni e creare valore economico. Nonostante la confusione diffusa, infatti, nel mondo dell’arte aumentano sempre di più transazioni e volumi d’affari e Samanta Lombardi illustra come siano spesso le banche a fare da mediatori nelle transazioni di opere d’arte: il contratto di Escrow, ad esempio, nato per le cessioni di azienda è oggi uno strumento usato anche per creare forme di tutela e garanzia per la compravendita di opere.
Il futuro della mediazione sembra roseo nel mondo dell’arte: tra scoperte sensazionali, attribuzioni fantasiose, vendite milionarie e collezioni sventrate, sarà il caso di invocare nuovi aiuti?

Roberta Palma

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Roberta Palma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram