Le scelte dei coniugi Selz, dai musei ai no-vax 3083 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Le scelte dei coniugi Selz, dai musei ai no-vax

   
  Veronica Cimmino 
 
Le scelte dei coniugi Selz, dai musei ai no-vax
pubblicato

I coniugi Selz, Bernard e Lisa, manager e filantropi ben riconosciuti per le milionarie donazioni dirette a istituzioni e luoghi della cultura, sono nel mirino per aver finanziato cospicuamente anche il movimento anti-vaccino.
Fiduciario della Frick Collection, del World Monument Fund e dell’American Friends of the Victoria and Albert Museum, Bernard Selz è l’uomo che gestisce il Selz Capital, un fondo che vanta un portafoglio dal valore di oltre 500milioni di dollari. Bernard e Lisa Selz, noti per le consistenti donazioni a istituzioni come il Dallas Museum of Art, il National Museum of the American Indian in Washington DC, lo University of Pennsylvania Museum of Archaeology and Anthropology, hanno devoluto negli ultimi anni più di 3milioni di dollari a gruppi attivi nella diffusione di informazioni anti-vaccino. 
La Selz Foundation, la loro fondazione privata, cominciò a dedicarsi alla causa dei vaccini nel 2012, offrendo un contributo che ha avuto un ruolo non marginale nella diffusione di dubbi circa i vaccini e i loro effetti.
Il movimento anti-vaccinazione prese piede nel 1998, quando sul The Lancet, un influente giornale medico britannico, viene pubblicato uno studio del Dottor Andrew Wakefield. Si trattava di uno studio che collegava il vaccino morbillo-parotite-rosolia (MMR) allo sviluppo dell’autismo. Il documento è stato ritirato nel 2010. Nel 2012 la Selz Foundation ha devoluto 200mila dollari al Dr. Wakefield Justice Fund, mentre 1.6 milioni sono stati diretti a organizzazioni anti-vaccinazione nonprofit. Prima del 1983, anno in cui il vaccino MMR fu introdotto negli Stati Uniti, più di quattrocento persone morivano ogni anno, mentre dai tre ai quattro milioni risultavano infetti. 
L’organizzazione Informed Consent Action Network (ICAN), della quale Lisa Selz è presidente, è oggi la più grande del movimento anti-vaccino. Da un’indagine condotta dal Washington Post emerge che la donazione della Selz Foundation rappresenta circa tre quarti del reddito annuale dell’organizzazione. Il fondatore dell’ICAN, Del Bigtree, è un ex produttore televisivo divenuto leader all’interno del movimento anti-vaccino. Ha firmato Vaxxes, un film documentario uscito nel 2016 che vede tra i suoi finanziatori la Selz Foundation, mentre Andrew Wakefield vi ha partecipato attivamente registrando interviste ai parenti delle sedicenti vittime di vaccino.
Dalla pubblicazione dello studio di Wakesfield, nessuno ha dimostrato un diretto collegamento tra il vaccino e l’autismo. Allo stato attuale i Centers for Disease Control and Prevention stimano che di mille bambini infetti, uno su tre affetti da morbillo muore per complicazioni.
Non si sa come i coniugi Selz abbiano cominciato a supportare idee anti-vaccino. A oggi hanno mancato di rispondere a domande e commenti di chiarimento richiesti dalla stampa. Il loro impatto sul movimento anti-vaccino resta innegabilmente enorme. (Veronica Cimmino)



 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Veronica Cimmino
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram