fino al 26.XI.2006 - Mimmo Jodice - Napoli, Palazzo Reale 3209 utenti online in questo momento
exibart.com
community
Senti chi parla/ Chiara Rapaccini – Rap
Reading Room
Allons Enfants/3
Senti chi parla
recensioni
rubriche
argomenti
classifiche
acuradi...
curator parade
antidoping
artist parade
cerca persone
notizie recenti

fino al 26.XI.2006
Mimmo Jodice
Napoli, Palazzo Reale

Un occhio dentro le metropoli. Ritratti eleganti di edifici, piazze e giardini orientali. Ma dietro il visibile di otto città, c’è un modo per vedere come l’architettura parla di cultura, potere, lusso, malinconia…
pubblicato mercoledì 22 novembre 2006

Un occhio poco obiettivo quello di Mimmo Jodice (Napoli, 1934), che in occasione del conferimento della laurea honoris causa in architettura presso l’università Federico II di Napoli, ha selezionato una cinquantina di scatti dagli ultimi vent’anni d’attività. L’essenzialità dell’allestimento, nei toni del grigio, accompagna strisce di colore bianco e nero, presenti nella scala granulosa delle loro sfumature, entro immagini di città apparentemente prive di presenza umana.
Edifici e ambienti aperti, ideati dall’architetto-artifex contemporaneo, di cui il neolaureato senza matricola sceglie punti di vista inediti. Come l’arco della Défense a Parigi, divenuto squadrato sfondo moderno in contrasto con il primo piano di un cimitero dalle lapidi malinconicamente gotiche.
I metri di misura usati da Jodice, anziché disto al laser e programmi in 3d, comuni agli architetti d’oggi, sono i contorni del formato rettangolare. Con essi valuta la distesa immensa di San Paolo nel 2003, le favelas infinite distese in orizzontale con formicai umani in alluminio e cartone, i deserti di motociclette clonate per cittadini che si confondono nella spersonalizzazione delle metropoli. Megalopoli che correrebbero il rischio di essere confuse tra loro per la ripetitività di grattacieli, ponti e megaparcheggi.
Mimmo Jodice, New York, veduta dalla Trump Tower, 1985
Ma l’obiettivo soggettivo di Jodice e le focali corte preferite per gli scatti di San Paolo, Mosca e Tokyo, mettono in evidenza i singoli tratti specifici allontanando ogni possibile dèjà-vu.
Città e interi quartieri costruiti ad indispensabile misura d’uomo, come nel caso dei gusci high-tech giapponesi, con stereometrico giardino Hamarikyò annesso, esprimono anche un altro linguaggio, che va oltre quello puramente architettonico di linee, vuoti e pieni. È l’abc di binomi sociali come lusso e potere nel Panorama dalla Trump tower, scattato in pieno decennio yuppie a New York nel 1985; efficienza e tecnologia al Logan international airport di Boston e nel suo Financial district, l’area di verticali condomini di uffici. Eleganza e autoritarismo nel Museo della guerra di Mosca, in un gioco di curve tra la pavimentazione della piazza e la velocità raggiunta dal corpo dell’edificio sopraelevato su robusti pilastri.
Mimmo Jodice, Tokyo, giardino di Hamarikyò, 2006
Jodice sembra preferire l’architettura contemporanea, tranne che per i quattro segnali di Napoli, in cui è la città antica, con la geometria delle cupole e gli antichi edifici, a testimoniare che è ancora questo l’ambiente maggiormente vissuto.
Non rimane che una domanda: se oltre che visibili queste città siano anche vivibili.

articoli correlati
Retrospettiva di Mimmo Jodice
Laurea honoris causa a Jodice

irene tedesco
mostra visitata il 16 novembre 2006


Mimmo Jodice - Città visibili
Palazzo Reale, Sala Dorica – Napoli, piazza del Plebiscito
orari: tutti i giorni ore 10 - 19; chiuso il mercoledì; ingresso gratuito
info: +39 0815808111
catalogo a cura di Stefano Boeri


[exibart]



speed-news
  Exibart.
   Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Firenze con il n. 5069/01.
   Direttore Editoriale e Direttore Responsabile: Adriana Polveroni
   Direttore Commerciale: Federico Pazzagli - f.pazzagli@exibart.com - adv@exibart.com - Fax: 06/89280543
   Amministrazione: amministrazione@exibart.com - Fax: 06/89280277