fino al 28.IV.2008 - Thomas Struth - Napoli, Madre 3126 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 28.IV.2008
Thomas Struth
Napoli, Madre

   
 Noi in primo piano. Immobili, senza fare passi falsi, per non finire fuori obiettivo. Dalle foreste pluviali ai deserti cittadini, una sequenza cronologica a firma tedesca. Sessanta scatti di quella che ormai è una “photostar”. Da godersi con qualche comfort nel museo partenopeo... irene tedesco 
 
pubblicato
Guarda, ferma, scatta e go forward. In mezzo si pone un momento di riflessione, tra chi decide cosa salvare e chi, inconsapevolmente o meno, mette se stesso in direzione dell’obiettivo fotografico. E se il primo protagonista è Thomas Struth (Geldern, 1954), il gruppo dei secondi -che in realtà è l’elemento essenziale, fonte di ispirazione e creazione- varia dal pubblico dei musei agli scenari cittadini, passando per austere famiglie e paradisi incantati.
Al terzo piano del Madre, con la positiva novità di alcune panche poste nelle sale, si segue un taglio espositivo cronologico per circa sessanta fotografie che segnano gli esordi di Struth, il quale dopo aver frequentato la Kunstakademie di Düsseldorf al seguito dei maestri Gerhard Richter e Bernd Becher negli anni ‘70, immortala Friedrich-Engles Strasse di Leverkusen e altre vie cittadine tedesche. L’aria circola tra i palazzi di Leipziger Strasse a Essen e anche nella centrale Via Giuseppe Verdi di Milano, di qualche anno più tardi; Thomas Struth - Vico dei Monti - Napoli, 1988 - courtesy l’artistaeppure, la percezione generale è quella di trovarsi in un ambiente dalle coordinate spaziali ben definite e dai volumi messi in prospettiva grazie alla sapiente messa a fuoco dei bianchi e dei neri.
Un freddo gioco ritmico che vale anche nel caso delle numerose immagini di una Napoli ripresa nel 1989 all’alba del suo risveglio, dove è ancora assente la presenza umana, solitamente in esubero tra il Ponte della Sanità e Via Giovanni Tappia, vociante a piedi o con l’inseparabile protesi meccanica, il motorino, propriamente detto “o mezz’”. In queste immagini grida forte il silenzio, la mancanza di denuncia e la pura rappresentazione della storia vissuta dalla città. Elementi tangibili in Vico dei Monti, dove gli strati dei palazzi si susseguono in una prospettiva diagonale a partire dal pavimento della terrazza, arrangiato grazie a tre campionari diversi di mattonelle.
Il distacco di Struth è più evidente in questo caso se, svoltato il vico, si guarda dalle finestre del museo, ritrovando altri palazzi sbrecciati, mentre un interesse diverso si avverte nei Ritratti di famiglia e nei Museums Photografs. Questa è la produzione più nota: gli osservatori che osservano osservati, dentro i musei, davanti a dipinti inflazionati come La zattera della Medusa di Géricault; addirittura non c’è bisogno di far entrare nel campo ottico il David di Michelangelo per mostrare il senso di meraviglia globalmente suscitato in Audience 09. Il risultato è quasi una didascalia di noi stessi, nei nostri comportamenti umani che Struth scrive con il suo sguardo da sinistra a destra negli scatti di Las Meninas di Velázquez, tra il sorriso entusiasta della guida e la meta-foto scattata da un ragazzo col cellulare.
Thomas Struth - Museo del Prado 8-3 - Madrid, 2005 - courtesy Marian Goodman Gallery, New York-Parigi
Infine, un’indulgenza si sente nel respiro delle foglie, grandi e accoglienti, che catapultano nel Paradise australiano. Una terra incontaminata, dove Struth pare finalmente cedere a un intimo sentimento.

articoli correlati
Struth a Milano da Monica De Cardenas

irene tedesco
mostra visitata il 10 marzo 2008


dal 19 gennaio al 28 aprile 2008
Thomas Struth
a cura di Mario Codognato
Madre - Museo d’Arte Donna REgina
Via Settembrini, 79 (zona San Lorenzo) - 80139 Napoli
Orario: lunedì, mercoledì, giovedì e domenica ore 10-21; venerdì e sabato ore 10-24
Ingresso: intero € 7; ridotto € 3,50; lunedì gratuito
Catalogo Electa, € 50
Info: tel. +39 08119313016; www.museomadre.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di irene tedesco
vedi calendario delle mostre nella provincia Napoli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Bernd Becher, Gerhard Richter, Michelangelo, Thomas Struth, Velázquez
 

2 commenti trovati  

27/03/2008
Valentina, Brindisi
è davvero entusiasmante guardare le immagini di Struth dal vivo, immagini osservate sempre e solo dai libri e dai cataloghi... chissà, forse tra cento anni ci sarà qualcuno che immotalerà gli spettatori davanti alle immagini di Struth, quasi come in un corto circuito esilarante!
a parte questo la mostra è molto bella e la scelta del percorso cronologico azzeccatissima per capire lo sviluppo della sua ricerca. anche le didascalie sono molto chiare ed easustive.
però mi aspettavo più immagini. la mostra del madre pare essere una retrospettiva senza quell'indigestione tipica che si avverte normalmente in una classica retrospettiva.

E cmq, W il MADRE! è un bel grande contenitore...


18/03/2008
maria, italia
Ciao a tutti, io l'ho vista è una mostra davvero bella, da non perdere.

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram