fino al 31.VIII.2008 - Pintoricchio - Perugia, Galleria Nazionale dell'Umbria 3151 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 31.VIII.2008
Pintoricchio
Perugia, Galleria Nazionale dell'Umbria

   
 I preziosismi dorati, l’eleganza delle composizioni, la leggiadria degli affreschi. È la rivincita del Pintoricchio, maestro del Rinascimento italiano, vissuto all’ombra del più celebre Perugino. Dopo oltre 500 anni torna nel capoluogo umbro... alessio crisantemi 
 
pubblicato
Perugia celebra un grande maestro del Rinascimento italiano. E, al contempo, celebra se stessa, quale teatro di una straordinaria congiuntura artistica che ha accompagnato il capoluogo umbro negli anni a cavallo tra il Quattrocento e il primo Cinquecento.
La mostra Pintoricchio, dedicata all’omonimo pittore umbro, rende omaggio all’artista e, al tempo stesso, propone una curata rassegna della produzione pittorica di quel tempo attraverso le opere di vari artisti originari del territorio, tra cui Fiorenzo di Lorenzo, Piermatteo d'Amelia e Benedetto Bonfigli, oltre alle due tavole del Perugino (Cristo in Pietà) e di Raffaello (Busto di un angelo), messe insieme per testimoniare la congiunzione artistica fra i tre maestri, agli albori del XVI secolo. Quando il Pintoricchio (Perugia, 1458 - Siena, 1513) godeva ormai di una certa fama -specie dopo aver realizzato una serie di opere durante il pontificato Borgia, affidategli da papa Alessandro VI- e il più giovanissimo Raffaello veniva già considerato degno di importanti incarichi.
Un allestimento d’eccezione nella rinnovata Galleria Nazionale dell’Umbria, a Palazzo dei Priori, ripercorre la formazione e la consacrazione di Bernardino di Benedetto di Biagio -questo il vero nome del Pintoricchio- nell’anno della celebrazione del 550esimo anniversario dell’artista, vissuto all’ombra del più rinomato Perugino, ma considerato ora il simbolo della città. Tra le opere proposte, si ripetono le raffigurazioni della Madonna con il bambino, eseguita in varie tavole, in genere su commissione, e spiccano alcune opere più ricercate, come le otto tavolette realizzate per gli sguanci di una nicchia e riproposti in una spazio simile alla destinazione originale al fine di valorizzarne l’effetto.
Pintoricchio e collaboratore - Madonna con il Bambino e San Giovannino - tempera su tavola - diam. cm 80 - Museo Poldi Pezzoli, Milano
Nell’ampia rassegna monografica sono esposte quasi tutte le opere mobili esistenti di Pintoricchio: alcune di queste mai viste in Italia, come il piccolo Ritratto di giovinetto, primo ritratto eseguito dall’artista in gioventù, conservato al Brooklyn Museum di New York, insieme a un’importante selezione di opere coeve. Con un effetto scenico che ne esalta la fattura e ne risplende i preziosismi tipici del maestro umbro, come i tocchi dorati ricorrenti sulle tele a tempera, che usava per “soddisfare alle persone che poco di quell’arte intendevano”, ricordava Giorgio Vasari, “dando maggior lustro e veduta” all’opera.
Otto sezioni distinte che accompagnano il visitatore verso un ritorno al Rinascimento, culminando in una ricchissima raccolta di disegni di vari artisti, dove trovano lustro gli studi preparatori del Pintoricchio, insieme a vari disegni dell’antico, proposti come vera testimonianza del periodo storico. Un excursus che si completa con una sezione distaccata della mostra, allestita a Spello, all’interno della “Cappella Bella” della Collegiata di Santa Maria Maggiore (nome “popolare” assegnato alla Cappella Baglioni), dove risiede un ciclo di affreschi considerato tra i più grandi capolavori dell’artista.
Giovanni di Piermatteo detto Boccati - Andata al Calvario - 1446-1447 - tempera su tavola - cm 40,2x73,5 - Galleria Nazionale dell'Umbria, Perugia
Dopo oltre trent’anni di carriera, il Pintoricchio muore malato e solitario. Triste fine di un artista “sordo, piccolo e di poco aspetto”, come lo ricordano i biografi, ma dall’opera grande. Che risplende dopo oltre cinquecento anni.

articoli correlati
Ecco gli itinerari di Pintoricchio a Roma. E una proroga per la mostra perugina

alessio crisantemi
mostra visitata il 22 giugno 2008


dal 2 febbraio al 31 agosto 2008
Pintoricchio
a cura di Vittoria Garibaldi
GNU - Galleria Nazionale dell’Umbria - Palazzo dei Priori
Corso Vannucci, 19 - 06100 Perugia
Chiesa di Santa Maria Maggiore - Cappella Baglioni
Piazza Giacomo Matteotti - 06038 Spello (PG)
Orario: tutti i giorni ore 9.30-20
Ingresso: intero € 10; ridotto € 8
Catalogo Silvana Editoriale
Info: tel. 199199111; infoline@sistemamuseo.it; www.mostrapintoricchio.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di alessio crisantemi
vedi calendario delle mostre nella provincia Perugia
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Benedetto Bonfigli, Bernardino di Benedetto di Biagio, Fiorenzo di Lorenzo, Giorgio Vasari, Perugino, Piermatteo d'Amelia, Raffaello
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram