fino all'8.IX.2008 - Virginia Ryan - Spoleto (pg), Gcam 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/05/2018
Parte la campagna per finanziare il documentario dedicato alla Signora Ceppo di Twin Peaks
25/05/2018
L'ex produttore Harvey Weinstein si è consegnato alla Polizia di New York
25/05/2018
Online su Google, il museo digitale dedicato a Frida Kahlo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino all'8.IX.2008
Virginia Ryan
Spoleto (pg), Gcam

   
 Antologica spoletina per un’autentica cosmopolita. A raccogliere opere dal 2001 a oggi, a latere del Festival dei Due Mondi. Con un ready made che smorza il vitalismo africano, per entrare di diritto nel mondo dell’arte occidentale... Giusy Caroppo 
 
pubblicato
Una figura straordinariamente complessa, quella di Virginia Ryan (Melbourne, 1956; vive a Trevi e Accra): scrittrice e arte-terapista, ha vissuto in Egitto, Brasile, Scozia ed Ex-Yugoslavia, dal ‘95 risiede fra l’Italia e il Ghana. Una biondissima Marilyn contemporanea -descritta con dovizia in catalogo dall’assessore spoletino Giorgio Flamini-, quasi incarnazione di un percorso artistico che ha preso il là dalla sua persona, appunto, un’opera d’arte, sublimazione di forme e colori ai confini del mondo.
Monocromie soprattutto, fatte di contrasti tra bianchi e neri o di écru per le opere dal 2001 a oggi, prodotto di quella “bulimia creativa” evidenziata da Achille Bonito Oliva nell’ambito del Festival dei Due Mondi. E si prestano egregiamente gli ambienti ampi e puliti, sviluppati anche in altezza, del prezioso Palazzo Colletta, per un’antologica calibrata in situ. Opere imponenti per leggere narrazioni delle onnipresenti tematiche di identità, memoria e territorio, espresse attraverso una dimensione multisensoriale, sviluppata sia nello spazio tridimensionale e tangibile nelle texture materiche, sia sonoramente nei sofisticati ambienti da ascoltare, curati dall’antropologo e sound designer americano Steven Feld.
Abo rintraccia la chiave di lettura nella sottrazione strategica dell’immaginario alla logica del doppio “estremismo” tra “globalizzazione e tribalizzazione”: globalizzazione dell’era telematica che tende ad appiattire il carattere identitario, a spersonalizzare le esistenze; e la risposta a volte reazionaria dei nazionalismi, della stanzialità. Ryan le re-intepreta da straniera (bianca) nella realtà africana, ma soprattutto in veste di artista che sceglie deliberatamente la “diaspora” come non-luogo dell’opera, un altrove smaterializzato che rende le sue installazioni perfettamente flessibili a qualsiasi luogo le accolga.
Virginia Ryan - Intransitu - 2007-08 - 15 federe ricamate e ambiente sonoro - photo Lorenzo Ferrarini
Le questioni etniche, ecologiche e ambientali sono approfondite in mostra: accanto a numerose opere in ceramica, bronzo e materiali riciclati, colpiscono i grandi progetti come Castaways, l’installazione in progress esposta lo scorso anno al Whitworth Museum di Manchester, duemila piccoli collage, ovvero informazione ambientale raccolta sulle coste dell'Africa occidentale, arricchita dal film Dove l'acqua tocca il suolo, meditazione sull'Atlantico, luogo significativo nella storia della schiavizzazione e dell'incontro; Topographies of the Dark, l’inedito gruppo di dipinti-sculture in grande scala, che poi risuonano nelle improvvisazioni musicali del gruppo afro-americano Accra Trane Station; In Transitu, la toccante installazione di federe ricamate e raccontate dalle donne del popolo, nella tappa salentina di Intramoenia Extra Art; la Courting chair, realizzata in Umbria per quest’occasione.
Virginia Ryan - Topographies of the Dark - in progress - dipinti e sculture - photo Lorenzo Ferrarini
Piccole o grandi “soste” che caratterizzano il viaggio infinito dell’artista e dell’umanità stessa, sintetizzato nella scelta del processo del ready made, secondo un’operazione occidentale: eliminazione del contesto abitudinario per uno del tutto nuovo, sostituzione del clima vitalistico della pittura africana con un codice alto, esaltato da tecniche di rappresentazione modernissime.

articoli correlati
Virginia Ryan a Intramoenia Extrart 2007

giusy caroppo
mostra visitata il 6 luglio 2008


dal 6 luglio all’otto settembre 2008
Virginia Ryan - Multiple Entries. Africa e Oltre. Opere 2001-2008
GCAM - Galleria Civica d’Arte Moderna - Palazzo Collicola
Via Loreto Vittori, 11 - 06049 Spoleto (PG)
Orario: da mercoledì a lunedì ore 10.30-13 e 15.30-19. Dal 1° settembre su appuntamento
Catalogo con presentazione di Achille Bonito Oliva
Info: tel./fax +39 074346434; gcam@spoletopermusei.it; www.spoletopermusei.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Giusy Caroppo
vedi calendario delle mostre nella provincia Perugia
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Achille Bonito Oliva, Giorgio Flamini, Steven Feld, Virginia Ryan
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram