fino al 30.XI.2008 - Walter Valentini - Ancona, Mole Vanvitelliana 3155 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
13/07/2019
Anche Lucio Battisti arriva su Spotify ma non tutti sono contenti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 30.XI.2008
Walter Valentini
Ancona, Mole Vanvitelliana

   
 Ammaliato da linearità geometrica, duttilità creativa della materia e lirica visionaria. Come in una continua riformulazione dell’idea della vita, Valentini allarga la ricerca artistica. Partendo da considerazioni ideali, per proiettarle in uno spazio da esplorare... gian paolo grattarola 
 
pubblicato
Marchigiano di nascita anche se da tempo lombardo d’adozione, Walter Valentini (Pergola, Pesaro-Urbino, 1928; vive a Milano) viene celebrato dalla città di Ancona con una mostra che ospita, all’interno della Mole Vanvitelliana, oltre cento opere tra pitture, sculture e lavori su carta dagli anni ’70 a oggi.
Pur nella costante ricerca di nuovi sbocchi per l’arte, il suo amore per la ruvida porosità della materia, il modo di frantumarla, modellarla e impiegarla segnano il tratto inconfondibile della sua personalissima riconoscibilità artistica. Valentini non ha mai fagocitato se stesso. Le sue opere, in trent’anni di variabili e varianti in cui ha combinato gli stessi elementi, mutandone con intelligenza ordine e priorità, mantengono una coerenza e un’integrità stupefacenti. E anche quando si lascia alle spalle le accentuazioni più marcatamente materiche della sua stagione artistica, segnata da opere come La stanza del tempo e La città del sole, è per un bisogno di realtà molto più forte di quanto non sia quello di esplorare un sogno.
Questa ricognizione, che ha l’ambizione di ospitare tutti i lavori più significativi della sua esperienza, non va e viene come un pendolo, ma si articola in un percorso che interpreta ogni fase temporale alla luce delle caratteristiche tematiche. E propone il cammino di un artista che, pur non evadendo da un mondo fermamente ancorato alla prosa della matericità, lo trascende liberando la suggestione poetica della visionarietà. Le sue forme sono allusive e mai narrative, i suoi colori accesi ma mai violenti, le tecniche sono utilizzate con gusto sobrio e non in maniera invasiva. La sua idea chiara dell’arte è fatta di intuizioni nitide e oneste, che ne ingigantiscono la portata apparentemente agevole del lavoro.
Walter Valentini - Terra e cielo - 2006 - acquaforte, acquatinta - cm 50x150
Un curriculum che vale la pena di percorrere lungo le ampie sale, impreziosite da un uso sapiente del gioco di luci, della fortezza settecentesca posta sull’acqua da Luigi Vanvitelli. Nella prima parte sono esposte opere del primo periodo, contrassegnate dalla nitidezza delle costruzioni geometriche, dall’equilibrio delle proporzioni e dalla pulizia dell’andamento delle incisioni all’interno di strutture e volumi di tipo minimalista. Proseguendo, si entra nel vivo dell’arte materica. Qui Valentini, indagando la potenziale energia delle risorse materiali, offre allo sguardo differenti stati di materialità delle cose, interpretazioni poetiche di concetti astratti e universali stesi in forma sgranata sulla tavola o aggrumati in forma scultorea. È così che troviamo, fra gli altri, il tema del grigio, che prima ancora di essere tonalità cromatica è uno stato d’animo, un personale contrassegno umorale.
A questo punto il tragitto si biforca. Gli organizzatori della mostra rispettano il passo doppio che Valentini ha sempre proposto al proprio pubblico, offrendo due direzioni alternative, tra l’ascesa al cielo e la delimitazione della soglia, attraverso i quali l’artista costringe a una profonda inquietudine del luogo, alla nostalgia di un altrove che, benché invisibile agli occhi, è accessibile alla mente.
Walter Valentini - La casa del cielo - 2008 - tecnica mista su tavola - cm 200x500 - coll. dell'artista
Sia che si opti per le seduzioni ascensionali della voluta stellare o per l’angusto limitare delle soglie poste sul soppalco, le opere di Valentini sono tentazioni che consentono di accorciare le distanze che ci separano dalle stelle e dalla densità parlante del loro siderale silenzio.

articoli correlati
Personale da 2000&Novecento a Reggio Emilia

gian paolo grattarola
mostra visitata il 18 settembre 2008


dal 18 settembre al 30 novembre 2008
Walter Valentini - È una notte stellata. Ecco il progetto. Incisioni, dipinti, sculture dagli anni ’70 ad oggi
a cura di Elena Pontiggia
Mole Vanvitelliana
Banchina da Chio, 28 - 60122 Ancona
Orario: da martedì a venerdì ore16.30-20; sabato e domenica ore 10.30-12.30 e 15.30-20
Ingresso: intero € 5; ridotto € 3
Catalogo Skira
Info: tel. +39 0712225011 / +39 0712073381

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di gian paolo grattarola
vedi calendario delle mostre nella provincia Ancona
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Luigi Vanvitelli, Walter Valentini
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram