marchio exibart.com  

fino al 30.IX.2005
Lab1
Napoli, NOT Gallery

Li potremmo chiamare not-artists. E vendono idee al prezzo di cose. Confezionando dispositivi che si comportano come motori di ricerca: data una chiave, dischiudono un mondo di “case”…

La casa si trasforma. Da articolo di serie e campionario del buon gusto, a vetrina dell’anima e giardino di delizie; dove gli spazi non sono aree attrezzate per ogni evenienza, ma luoghi “pensati” su misura dall’artista e sognati ad hoc dal suo committente. Dove le pareti sono sipari invisibili che la mente abita comodamente, e le barriere architettoniche sono come muri di gomma. Dove persino le luci si volatilizzano, come note contro un muro del suono.
La vocazione della galleria si esprime bene in questa collettiva, che funge da dichiarazione di principio ma anche da bilancio consuntivo. Una mostra di NOT-products ad uso domestico è l’occasione ideale per dare visibilità al Laboratorio per la diffusione materiale della ricerca artistica ideato da NOT Gallery in collaborazione con NONARTEstudio di Marco Adinolfi e Francesco Basile. Sono opere che mettono in discussione la propria “utilità” e “originalità”, in riferimento ad un contesto di abitudini che, ormai tradizionalmente, disconosce all’utilità un carattere di originalità, o perlomeno confonde originalità ed etichetta. Si tratta di progetti modulari per tappeti, mattonelle e scatole di cartone, realizzabili a partire da un medesimo prototipo ideale. Quasi una cellula embrionale riferibile all’idea unica e irripetibile dell’artista. La ricorsività dei prototipi, ispirati al leitmotiv della foglia, e il processo della loro riproduzione materiale, da un lato garantiscono l’autenticità di quella derivazione, dall’altro conservano unicità alla variante “fuori catalogo” del committente.
Dopo le personali dei mesi scorsi, Andrea Aquilanti, gli Atrium-project e Federico Solmi tornano alla Not Gallery ed espongono opere che rifuggono dalla taglia di esemplarità che pesa sui maniaci del capolavoro.

Andrea Aquilanti ha dipinto un paesaggio a tutto tondo lungo una greca che lo sguardo abbraccia da un’ideale posizione centrale. E’ una traccia della Roma che orbita intorno all’isola Tiberina, riproducibile su misura in versione digitale, purché la sua lunghezza non ne risulti interrotta (come negli spazi della mostra). Atrium-project e Federico Solmi hanno realizzato due prototipi di wall-paper, parati d’autore che respingono la compassata profondità del quadro, e si adattano con economia di mezzi a tutte le pareti, preferendo la stampa laser a quella fotografica.
Fiore all’occhiello del Biennio Specialistico dell’Accademia di Napoli sono le opere degli allievi del prof. Squillante, da un’idea didattica di NOT Gallery. Si tratta di progetti al limite tra virtualità e realtà, che aggiungono risonanza atmosferica al claustrofobico incedere degli interni domestici. Barbara La Ragione ritaglia fessure oculari sulle superfici specchianti di armadi e tramezzi, e nella maschera che si nasconde sul fondo di quello sguardo interiore rivede, non vista, la vera immagine di sé, celata a se stessa prima che agli altri. MaraM disegna traiettorie fluorescenti per movimentare nel buio le direttrici statiche dei corridoi, e convogliarle verso il Paese delle Meraviglie; Domenico di Martino ripensa la luce come presenza, che diffusori audio-video intercettano sotto forma di relazioni viventi. Ivan Piano crea affreschi digitali da pellicole bruciate, pareti stranianti dove residui d’immagine tracciano orme della mente; Pakiscò, infine, campiona una pioggia virtuale replicandone la corsa sui vetri di una finestra, un lavoro concettuale ai limiti del pensabile.

articoli correlati
Atrium-project
Andrea Aquilanti - L’angolo dei giochi

carmen metta
mostra visitata il 7 luglio 2005


LAB1 - Napoli, NOT Gallery Contemporary Art Factory, Piazza Trieste e Trento, 48 (centro) – 80132  - Orari di visita: dal lunedì al venerdì 15-19 e sabato 10.30-13.30 - Info: 0810607028 (info), 0810607028 (fax) - info@notgallery.com

[exibart]