Maurizio Mochetti - L'ombra della sera 3066 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva OREDARIA ARTI CONTEMPORANEE ​ Via Reggio Emilia 22-24 Roma 00198

Roma - dall'undici gennaio al 21 marzo 2008

Maurizio Mochetti - L'ombra della sera
[leggi la recensione]

Maurizio Mochetti - L'ombra della sera
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
OREDARIA ARTI CONTEMPORANEE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Reggio Emilia 22-24 (00198)
+39 0697601689 , +39 0697601689 (fax)
info@oredaria.it
www.oredaria.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Per l’artista, l'opera d'arte è essenzialmente idea, progetto, e la tecnologia è lo strumento che gli consente di realizzare opere sempre più vicine all'idea: in questo senso l'opera d'arte é perfettibile.
orario: dal martedì al sabato: 10-13 e 16-19.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 11 gennaio 2008. dalle 19 alle 21
editore: SKIRA
autori: Maurizio Mochetti
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
L’11 gennaio, alle 19, si inaugura a Roma, in via Reggio Emilia 24, presso la galleria OREDARIA “l’ombra della sera” di Maurizio Mochetti, un’installazione appositamente realizzata per lo spazio della galleria .

Per l’artista, l'opera d'arte è essenzialmente idea, progetto, e la tecnologia è lo strumento che gli consente di realizzare opere sempre più vicine all'idea: in questo senso l'opera d'arte é perfettibile. La meccanica quantistica e la fisica atomica sono alla base di un linguaggio sintetico, coinvolto nelle ricerche legate alla dimensione spaziale e, soprattutto a partire dal 1964, orientato verso la luce intesa nella sua fisicità, come materia, senza alcun significato simbolico o mistico.

Lo spettatore sarà immerso in un’analisi della percezione, che viene ribaltata e contraddetta dalla natura delle forme essenziali della realtà. In questo senso, anche se nel vocabolario di Mochetti rientrano razzi, aerei e prototipi di macchine da corsa, lo spazio in mostra resterà apparentemente e paradossalmente fermo e vuoto. Inserito tra le colonne della galleria, il centro dello spazio e di un cerchio immaginato al suo interno sarà segnato tangibilmente e metaforicamente da un asse sormontato da una microfusione posta all’altezza dell’orizzonte ottico. Una “linea di mercurio” segnerà l’intero percorso della galleria, e su questa linea una sorgente luminosa segnerà un punto di luce. Lo spettatore, percorrendo in tutta la sua lunghezza la linea, vedrà spostarsi puntualmente il punto di luce. “Siamo nel mondo del flusso e dell’evento, in cui non dominano la limitazione e la fissità ma il fenomeno di frontiera, come la luce che è libera di tracciare un percorso imprevedibile” (G. Celant).


Maurizio Mochetti nasce nel 1940 a Roma dove vive e lavora. Nel 1968 esordisce con la sua prima esposizione personale a Roma, all’ormai storica Galleria "La Salita". Nel 1969 Mochetti vince il I premio Pascali a Polignano a Mare e nello stesso anno vince il premio scultura alla VI Biennale di Parigi. Nel 1970 partecipa alla sua prima Biennale di Venezia cui seguiranno quelle del 1978,1982, 1986, 1988, 1997. Nel 1976 partecipa alla Biennale di Sidney, mentre nel 1991 é presente alla Biennale Internazionale di Nagoya in Giappone. Nel 1993 Mochetti partecipa alla mostra collettiva “Three Artistic Generations in Contemporary Italy” presso il Tel Aviv Museum of Art e nel 1998 viene designato a rappresentare l’Italia in occasione della XXIV Biennale di San Paolo del Brasile. Nel 1997 installa l’opera permanente “Arco laser” nel Parco di Scultura di Villa Glori a Roma. Nel 2000 tiene una mostra personale dal titolo Elica Infinita nei suggestivi ambienti del Centro Cultural del Conde Duque di Madrid.

Partecipa ad importanti esposizioni collettive, tra cui: Vitalità del negativo nell’arte italiana:1960/70 (Roma, 1970), Linee della ricerca artistica in Italia: 1960/1980 (Roma, 1981); Arte italiana 1960-’82 (Londra, 1982); La otra escultura (Madrid, 1990): Roma anni ‘60 (Roma,1990), The Italian Metamorphosis (New York, 1994); Arte italiana: ultimi quarant’anni (Bologna, 1997); Minimalia. Da Giacomo Balla a.... (Venezia, 1997 - Roma, 1998).

Nel 2003 viene dedicata a Mochetti un’ ampia mostra antologica da uno spazio museale italiano, il Palazzo Ducale di Sassuolo. Nel 2004 all’aeroporto Leonardo da Vinci, nell’ambito del progetto culturale PlayOn presenta la mostra 229.792,458 km/sec. Infine nel 2006 viene affidata a Maurizio Mochetti la realizzazione dell’opera-simbolo della Nuova Fiera di Roma.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram