Amedeo Modigliani - Il mistico profano 3098 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MAGA - MUSEO D'ARTE DI GALLARATE ​ Via Egidio De Magri 1 Gallarate 21013

Gallarate (VA) - dal 19 marzo al 19 giugno 2010

Amedeo Modigliani - Il mistico profano
[leggi la recensione]

Amedeo Modigliani - Il mistico profano
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
MAGA - MUSEO D'ARTE DI GALLARATE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Egidio De Magri 1 (21013)
+39 0331791266 , +39 02542757
www.museomaga.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

In mostra 50 splendidi disegni provenienti dai più grandi musei e dalle più grandi collezioni italiane e internazionali, e oltre 250 documenti originali che ripercorrono la vita del grande artista di cui quest'anno ricorrono i 90 anni dalla morte.
orario: 9.30 – 19.30 da martedì a domenica
Chiuso il lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Intero € 8
Ridotto € 5
Ingresso Gratuito fino ai 14 anni
Over 65, soci AMACI e ICOM
Ridotto: dai 15 ai 26 anni
vernissage: 19 marzo 2010. ore 12 per la stampa
catalogo: in mostra
editore: ELECTA
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
curatori: Cinzia Chiari
autori: Amedeo Modigliani
patrocini: Sotto l'alto Patronato del Presidente della Repubblica
Con il patrocinio di
Presidenza del Consiglio dei Ministri
Senato della Repubblica
Camera dei Deputati
note: Coordinamento della mostra: Cinzia Chiari
Soci fondatori
Comune di Gallarate
Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Partner istituzionali
Regione Lombardia
Provincia di Varese Soci sostenitori
Yamamay
SEA
BPM
Special Partners
Air italy
Electa
Trenitalia - LeNord
Sponsor tecnico
Ferrari Promotions
Sponsor istituzionali
Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus
Fondazione Cariplo
Media Partner
Corriere della Sera
genere: arte contemporanea, inaugurazione, personale
email: carlo.zasio@beniculturali.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra è un omaggio alla figura e all'opera di Amedeo Modigliani e traccia un percorso ideale alla scoperta dell'evoluzione del suo pensiero. Verranno presentati al pubblico dipinti e disegni provenienti da musei e collezioni importanti quali la Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli di Torino, la GNAM di Roma, la Pinacoteca di Brera e i Musei Civici di Milano.
Accanto alle opere la mostra presenterà un ricco apparato documentario composto da fotografie, epistolari, scritti autografi e materiali di studio che permetteranno l'approfondimento della personalità artistica di Modigliani e dei diversi contesti in cui negli anni tale personalità si è inscritta e sviluppata, da quello familiare livornese a quello artistico parigino. I documenti verranno esposti in originale e provengono dal Modigliani Institute di Roma.
Particolare rilievo avrà l'allestimento della mostra curato da Maurizio Sabatini, scenografo di fama internazionale autore dei set del film Baaria di Tornatore, chiamato a reinterpretare l'impatto delle opere di Modigliani sugli spazi espositivi del museo attraverso un'ambientazione elegante e di grande suggestione.
Il teatro della mostra
A tutti è noto il percorso della vita e dell'opera di Amedeo Modigliani, in modo particolare dal 1906, data del suo arrivo a Parigi, quando il giovane italiano incontra i fermenti della nascita della contemporaneità.
Il 1906 è l'anno della morte di Paul Cézanne. La pittura impressionista ha da tempo conquistato i cuori di un grande collezionismo internazionale: Rodin con la sua scultura romantica stabilisce la regola e il gusto di una borghesia dominante e colloca il suo Pensatore di fronte al Panthéon.
Nello stesso anno Picasso lavora al dipinto Les Demoiselles d'Avignon, che renderà compiuto l'anno successivo. Un vento tutto europeo circonda e pervade le atmosfere creative di Parigi che stanno generando o di lì a poco genereranno il cubismo, il futurismo, il surrealismo e le esperienze dada.
In quel clima Modigliani frequenta gli artisti e gli intellettuali, le ballerine e le grandi signore, gli abituées dei bistrot, del Lapin Agile e della Cloiserie de Lilas, gli alberghi a basso costo e il Teatro dell'Opera.
Nello stesso clima, in quegli anni a Parigi si consolida un sempre maggiore interesse per quelle opere di "Art Nègre" che, già nel 1897 mostrate alla Esposizione Universale di Bruxelles, stanno diffondendosi attraverso circuiti ristretti e marginali, in particolar modo tra quegli artisti che ritenevano necessario riferirsi ad elementi di ritrovata purezza spirituale e simbolica.
I suoi amici sono Picasso e Max Jacob, Matisse e Brancusi, Kisling, Soutine, Foujita e Soupault e con loro divide il cibo e i pensieri, le donne e l'assenzio, nella porzione di eccessi che il suo fisico minato da una grave tubercolosi poteva permettersi, ma non aderisce a nessuno dei movimenti in voga perché non rinuncia alla continuità ideale della sua formazione, dei suoi amori giovanili per l'arte italiana del Trecento, da scultore, come avrebbe voluto essere, per Tino da Camaino, che aveva visto al Museo Nazionale del Bargello a Firenze e a Napoli, a San Lorenzo, nella tomba di Caterina d'Austria, o da pittore, per continuità con la sua educazione postmacchiaiola, maturata nello studio di Fattori.
Se Modigliani quindi sviluppa a Parigi una personale evoluzione, senza referenti dichiarati, autonoma, per una pittura dell'animo, nei nudi e nei ritratti maschili e femminili che compongono la quasi totalità del suo lavoro, sarà dalla sua formazione giovanile che trarrà gli elementi che fino alla sua prematura scomparsa lo faranno divenire un riferimento inevitabile per le generazioni artistiche successive.
Il percorso espositivo e la selezione delle opere di Modigliani che lo costituiscono renderanno conto delle linee critiche del pensiero dell'artista e della sua straordinaria personalità creativa.

Il Comitato Scientifico della Mostra:

· Prof. Claudio Strinati - Presidente
· Prof. Louis Godart - Consigliere per la conservazione del patrimonio artistico della Presidenza della Repubblica Italiana.
· Dott.ssa Sandrina Bandera - Sovrintendente Soprintendente per il Patrimonio storico artistico ed etnoantropologico per le province della Lombardia
· Prof.ssa Beatrice Buscaroli - Docente presso la Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali - Università di Bologna
· Prof.ssa Maria Cristina Bandera - Direttore Fondazione Roberto Longhi di Firenze
· Prof.ssa Emma Zanella - Direttore MAGa
· Prof. Claudio Salsi - Direttore Musei Civici di Milano
· Prof. Rudy Chiappini - storico dell'arte
· Prof. Renato Miracco - storico dell'arte
· Prof.ssa Maria Teresa Benedetti - storico dell'arte

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram