01 luglio 2019

Arriva RAPTOR, l’archivio digitale di 13000 siti archeologici italiani

 

di

Dopo un lavoro di archiviazione digitale durato circa sette anni e ancora in corso, si è avviato da pochi giorni RAPTOR-Ricerca Archivi e Pratiche per la Tutela Operativa Regionale, programma concepito dal MIBAC nel 2013, con il supporto delle ex Soprintendenze per i Beni Archeologici. Questo progetto, a cui oggi partecipano la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Venezia e le province di Belluno, Padova e Treviso, è nato con l’intento di ottimizzare il lavoro dei funzionari archeologi e, indirettamente, anche quello delle Amministrazioni Pubbliche, velocizzando e moltiplicando l’accesso alle informazioni e snellendo le pratiche burocratiche. 
Si tratta di un geodatabase gestionale con cui vengono informatizzate funzioni amministrative come la gestione delle pratiche autorizzatorie o la mappatura degli scavi e dei siti archeologici e che, dopo aver messo in dialogo le Soprintendenze con le ditte archeologiche, viene ora aperto al libero accesso degli utenti esterni. RAPTOR, consentendo la libera consultazione di informazioni relative a 13mila siti archeologici italiani, si propone dunque come un database pubblico di grande importanza per tutti gli studiosi ed appassionati del settore. (Guglielmo Hardouin)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui