Mambo
Mambo
Fondazione Terzo Pilastro
Fondazione Terzo Pilastro
17 dicembre 2021

La chiesa di Santa Maria Goretti a Mormanno firmata Mario Cucinella

di

Completato il progetto della Chiesa del piccolo comune montano nel cuore del Parco Nazionale del Pollino, la prima nella carriera trentennale dell’architetto italiano

A Mormanno, piccolo comune nel cuore del Parco Nazionale del Pollino, MCA – Mario Cucinella Architects, vincitore del Progetto Pilota Cei 2011, ha completato dopo otto anni, la Chiesa di Santa Maria Goretti.
La struttura, con i suoi 16 m di altezza, si erge sui colli circostanti, in stretto dialogo con il paesaggio. Sfruttando il nuovo accesso dal versante nord-est del sito, la Chiesa è infatti il punto di arrivo di un percorso spettacolare che si affaccia fra le dorsali del Parco Nazionale del Pollino.
‘’L’architettura della Chiesa, i suoi spazi interni, gli interventi d’artista sono le stazioni di un percorso di accrescimento spirituale” spiega Mario Cucinella. “Nello studio delle forme abbiamo cercato l’equilibrio: la capacità di coniugare i momenti sacri con la fruizione liturgica della chiesa. Progettare una chiesa è un messaggio di continuità con lo spirito dell’arte che ha attraversato imperturbato i secoli dell’umanità.” 

La pianta monumentale dalla forma organica si ispira alle geometrie di alcune delle chiese barocche, come la Basilica di Sant’Andrea delle Fratte e al Quirinale entrambe a Roma, l’Oratorio Ghisilieri a Ferrara, la Chiesa di San Carlo alle Quattro Fontane e la Chiesa Sant’Ivo alla Sapienza a Roma. Il portale di ingresso e la croce, elementi essenziali, principali segni della tradizione cristiana, contraddistinguono la facciata.

Lungo l’involucro esterno, una serie di formelle in creta, realizzate dai bambini della comunità locale durante il periodo della didattica a distanza, su progetto dell’Artista Giuseppe Maraniello, raccontano la “Via Crucis”.

L’interno è caratterizzato dalla luce naturale, protagonista e simbolo del linguaggio cristiano. Dalla sommità della Chiesa una serie di veli traslucidi, come drappi scenici riempiono lo spazio centrale riverberando la luce naturale attraverso un gioco di riflessi. I materiali utilizzati sono quelli legati alla tradizione, come la pietra, il bronzo, il mosaico. Gli arredi in legno e acciaio sono stati pensati con un design minimale e austero, per mettere in risalto gli elementi architettonici e quelli scultorei, questi ultimi realizzati dall’artista Giuseppe Maraniello, che riprendono le forme fluide delle pareti della Cappella, come l’Ambone, la figura della Vergine Maria, la Custodia Eucaristica e il Fonte Battesimale.

Durante la progettazione, una particolare attenzione è stata rivolta al rapporto armonioso con la natura circostante. Le coperture verdi e le corti interne piantumate, così come l’orto biologico antistante la Casa Canonica per una coltivazione a km0, a servizio anche della comunità, contribuiscono alla sostenibilità del progetto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

scopri ogni giorno le ultime notizie
nel mondo dell'arte, del cinema,
della moda e della cultura.
Inserisci la tua email e premi iscriviti.

la tua email
Iscrivendoti accetti la nostra informativa sulla privacy.
Si può annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.