Mambo
Mambo
Nexo Pompei Eros e Mito
Nexo Pompei Eros e Mito
03 novembre 2021

Qaammat, il padiglione di vetro dell’UNESCO per la Groenlandia

di

Poco sopra il Circolo Polare Artico, l'architetto Konstantin Ikonomidis ha appena inaugurato Qaammat, la sua ultima opera commissionata dall'UNESCO

Poco sopra il Circolo Polare Artico, a circa un’ora di navigazione da Sisimiut, la seconda città della Groenlandia per grandezza dopo la capitale Nuuk, l’architetto Konstantin Ikonomidis ha appena installato la sua ultima opera, Quaammat
Due grandi parete curve formate da mattoni di vetro compongono il suggestivo padiglione permanente che l’Unesco ha commissionato all’architetto svedese di origine greca, proprio per celebrare il luogo, la cultura e il forte legame della comunità Inuit con il paesaggio locale. L’area che circonda Sarfannguit infatti, è stata dichiarata Patrimonio Mondiale dell’Umanità nel 2018.
Affascinato dalle tradizioni edilizie e dai climi estremi, già nel 2017 Ikonomidis aveva realizzato Qamutit, una casa-mobile che ispirandosi alle tecniche di costruzione tradizionali Inuit, esplorava il concetto della casa.
Posizionata su due grandi sci, la struttura a “impalcatura in legno” della casa-slitta, era composta da pali di legno posizionati in fori tagliati con precisione (invece di essere imbullonati o avvitati insieme), e comprendeva una serie di pannelli in massello di abete Douglas messi a disposizione come spazi per i visitatori, invitati a condividere e sviluppare associazioni, idee e significati sul tema.
“L’Unesco aveva visto il progetto e voleva collaborare”, ha raccontato l’architetto, “quindi abbiamo visitato Sarfannguit per cercare un potenziale sito per un’installazione. Questa volta volevo che l’opera fosse permanente”. Ikonomidis voleva assicurarsi anche che il lavoro riflettesse le vite, le idee e le tradizioni dei residenti di Sarfannguit: “Volevo scoprire cosa volevano. Ho chiesto loro di parlare della natura, di cosa significasse per loro e di quale fosse il loro rapporto con essa. Qui c’è una traccia molto tangibile del suo potere, perché tutto è sovradimensionato rispetto all’essere umano. C’è un rispetto, una sensibilità nei suoi confronti ma si sente anche la consapevolezza della sua vulnerabilità. È presente nella mitologia locale. E poi mi è venuta l’idea di usare il vetro. Ha quella sensibilità e fragilità che crea contrasto con la roccia mentre i riflessi e i giochi di luce ricordano il ghiaccio.”

Il progetto

Le pareti ondulate del padiglione sono costituite da cinque tonnellate di mattoni di vetro opaco, prodotti in Italia, sviluppati da WonderGlass grazie alla ricerca condotta dallo stesso Konstantin Ikonomidis in collaborazione con Faidra Oikonomopoulou e Telesilla Bristogianni della TU Delft University, fissati a pali metallici affondati nella roccia, un metodo mutuato dalle tradizioni edilizie locali. Le due pareti hanno due strette aperture, che lasciano il visitatore in uno spazio intimo ma esposto allo stesso tempo.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da konstantin Arkitekter (@konstantin_ik)

Come dice Ikonomidis, a seconda delle condizioni atmosferiche, della stagione o dell’ora, l’esperienza intorno o dentro Quaammat è sempre diversa. I giochi di luce, la trasparenza del vetro e i colori, creano ogni volta effetti diversi e sorprendenti.

Il villaggio di Sarfannguit

Con una popolazione di 100 abitanti, Sarfannguit è, in termini groenlandesi, grande e prospera. Molti dei villaggi più piccoli del paese sono abbandonati e in rovina. L’industrializzazione e la politica del governo danese di trasferire gli abitanti dei villaggi in città più grandi, in particolare la capitale, Nuuk, hanno lasciato la Groenlandia disseminata di villaggi fantasma. Sarfannguit è infatti l’unico centro attivo rimasto nella nuova area da poco nominata Patrimonio dell’Unesco, mentre nelle vicinanze si trova un villaggio abbandonato. Ikonomidis immagina il suo padiglione come collegamento tra i due avamposti, tra passato e presente. È anche pensato per essere un waymaker o un faro su un sentiero escursionistico pianificato tra Sarfannguit e Nipisat, un’estensione dell’attuale sentiero del Circolo Polare Artico e quindi un mezzo per attirare l’attenzione dei visitatori sul villaggio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

scopri ogni giorno le ultime notizie
nel mondo dell'arte, del cinema,
della moda e della cultura.
Inserisci la tua email e premi iscriviti.

la tua email
Iscrivendoti accetti la nostra informativa sulla privacy.
Si può annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.