Collettiva

Da Giovedì 1 Novembre fino alla primavera, sarà possibile visitare un’esposizione incentrata sulla cultura e sull’arte nel Gotico. Gli artisti esporranno opere richiamanti l’aspetto metafisico di tale Cultura: l’arte come strumento di trascendenza, cioè, come via di conoscenza dell’altro e di sè stessi.
Sotto questa prospettiva, il gotico riprende vita oggi nelle paure che incarna e nelle sfide che propone. Esso è figlio dell’atavica paura di non sapere e, nel contempo, del terrore di poter conoscere, in particolar modo se l’oggetto della domanda è l’esistenza stessa, la radice di ogni primordiale genetica.
Le sue ricerche, le linee e i colori che privilegia incarnano regioni inospite e buie, ma soprattutto la volontà di scoprire verticalmente le proprie origini, le origini e le radici che vanno cercate volgendo lo sguardo in alto e non scavando una buca nel terreno: l’uomo è uno degli animali della Creazione ed ha il compito di indagare.

Comunicato stampa
Segnala l'evento
01 novembre 2012

Collettiva

Dal primo novembre 2012 al primo marzo 2013
arte contemporanea
Location
LIBERARTI
Trieste, Piazza Barbacan, 1a, (Trieste)
Autore
Curatore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui