Massimo Poldelmengo – Il progetto e l’opera. XVI e Impronta del XVI

La grande scultura in ferro, intitolata XVI, realizzata da Massimo Poldelmengo nel 2012 e oggi posta davanti all’ingresso della Galleria, accompagna la mostra XVI e Impronta del XVI, un percorso in cui prende forma la storia di un progetto sviluppatosi in due opere diverse legate al medesimo pensiero. All’origine vi è la commissione a Poldelmengo di un’opera da porre nel vigneto di Ronco Pitotti, gestito da i Vignai da Duline: ispirato dalla bellezza del luogo, l’artista ha realizzato una “mensa” profana, che posta su uno sperone dominante l’anfiteatro del podere si offre al visitatore come luogo di sosta per la degustazione del vino sulla terra e nel paesaggio in cui è nato.
Il piano della mensa, formato da sedici lastre simboleggianti i filari di Pinot nero, si è sviluppato parallelamente in una seconda scultura, il XVI la cui tensione verticale rappresenta una diversa soluzione plastica dello stesso pensiero che si articola nello spazio volgendosi all’alto.

Comunicato stampa
Segnala l'evento
Un progetto e due opere Conversazione con l’artista Massimo Poldelmengo e i “Vignai da Duline” Federica Magrini e Lorenzo Mocchiutti A cura di Annalia Delneri Annalia Delneri: XVI e Impronta del XVI: due titoli per due opere diverse ma...
08 agosto 2014

Massimo Poldelmengo – Il progetto e l’opera. XVI e Impronta del XVI

Dall'otto agosto al 14 settembre 2014
arte contemporanea
Location
GALLERIA REGIONALE D’ARTE CONTEMPORANEA LUIGI SPAZZAPAN
Gradisca D'isonzo, Via Cesare Battisti, 34, (Gorizia)
Orario di apertura
martedì, sabato, domenica 10.00 – 19.00; mercoledì, giovedì, venerdì 15.00 – 19.00
Vernissage
8 agosto 2014, ore 18.30
Autore
Curatore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui