13 ottobre 2000

biografie Basquiat Rizzoli

 
In copertina un re incoronato, dettaglio di un'opera anonima datata 1982...

di

Sovrano bambino con in testa una corona di carta, o angelo caduto. Questo Jean-Michel Basquiat, autore di 1000 quadri e 2000 disegni ognuno dei quali potrebbe dirsi autoritratto. Perché mai artista fu così uguale a ogni sua opera.
A Jean-Michel Basquiat è dedicata la monografia ideata, curata ed edita negli States nel 1999 da Tony Shafrazi, oggi pubblicata in Italia da Rizzoli nella traduzione di Daria Restani. Un meraviglioso volume che di Basquiat racconta opere e vita. Vita che più che negli eventi è nei colori usati, nelle parole scomposte e ricomposte, nelle storie narrate sui muri, nei miti e negli eroi celebrati. Miti ed eroi che appartenevano alla storia dell’America del suo tempo, fatta di jazzisti e pugili le cui facce diventavano per Basquiat icone da rappresentare come totem indiani o antiche maschere africane. Icone indubbiamente da venerare. Famosi atleti negri e grandi musicisti jazz, questi i santi di Basquiat, tutti beatificati e incoronati.
Intervistato da Henry Geldzaheler nel 1983, alla domanda “quale soggetto conta davvero per te”, Basquiat rispose: “La regalità, l’eroismo e la strada”. Perché questa era la sua natura: regale, eroica e da strada. Come ogni sua opera, graffito, cartolina o quadro che fosse. “Jean-Michel fu forse troppo regale per noi. Era tutto di un pezzo, disubbidiente, perfino duro se la situazione lo chiedeva”, scrive di lui Keith Haring. E poi aggiunge: “Ma forse è stata la sua semplice onestà a fare di lui un eroe”. Perché, ripetiamo, ci piace pensare a lui come a un eroe, o a un angelo caduto. “Fallen Angel” si chiama una sua opera, ed è un angelo caduto eppure ancora in cielo, incoronato di fili elettrici e con uno scheletro di fil di ferro e molle.
Nel libro testi di Franklin Sirmans e Tony Shafrazie, saggi di Richard D. Marshall, Francesco Pellizzi, Fred Brathwaite, Franklin Sirmans, Glenn O’Brien, Ted Joans, Jeffrey Deitch, Herbert e Lenore Schorr, Peter M. Brant e la ristampa di un articolo di Keith Haring e dell’intervista concessa da Basquiat a Henry Geldzahler.
Di Basquiat sono online la Biografia,La Tomba e altri link


Tiziana Lo Porto con la collaborazione di



JEAN-MICHEL BASQUIAT
2000 – RIZZOLI
333 pagine; illustrazioni a colori;
lire 130.000
Rizzoli, via Mecenate 91 – 20100 Milano
tel. 02/50951 – fax. 02/50952324
http://www.rcslibri.it



[exibart]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui