Ai Magazzini del Sale di Venezia arriva il fotografo Ahae, terza tappa di un tour di due a... 3065 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci vince l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
13/12/2018
Milano da bere? No, “Milano da Vinci”. Apre il concorso dedicato alla città di Leonardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Ai Magazzini del Sale di Venezia arriva il fotografo Ahae, terza tappa di un tour di due anni. E un milione e mezzo di fotografie

   
   
 
pubblicato

Una fotografia di Ahae

Si chiama "Attraverso la mia finestra" il progetto del fotografo coreano Ahae. Tre anni passati ad osservare il cambiamento delle stagioni, la natura, la fauna, il cielo e la Terra, attraverso la finestra del proprio studio.
Nato in Giappone nel 1941, tornò in patria, nella Corea del Sud, alla fine della seconda guerra mondiale. Attivista per la tutela dell'ambiente dal 1970, potrebbe essere descritto come un artista, un naturalista, un filantropo, un poeta. E un attento studioso dell'ambiente, sia a livello paesaggistico che nelle sue connessioni con la vita umana. È legato con organizzazioni internazionali che promuovono l'agricoltura biologica e progetti di conservazione della natura, e le sue opere fotografiche sono esattamente una progressione logica dalla sua attenzione sull'ambiente naturale e sulle sue modalità di percezione. 
Ora il progetto "Through my window" sbarca, dopo la Grand Central di New York, Mosca, e Fondazione Alinari di Firenze, solo per citare alcune location mondiali, ai Magazzini del Sale di Venezia, da domani per circa un mese prima di volare a Parigi. Un milione e mezzo di fotografie prodotte in quasi tre anni, un'impresa titanica senza sosta, mai sperimentata prima, che non ha non ha utilizzato nessuna illuminazione artificiale e nessuna manipolazione durante il montaggio. Viene in mente la vicenda di Auggie, personaggio del film "Smoke" di Paul Auster, che fotografa da anni, una volta al giorno, lo stesso posto: l’angolo tra la Terza Strada e la Settima Avenue, a Brooklyn, alle otto in punto del mattino. Quattromila giorni uno dopo l’altro fotografati con ogni sorta di situazione meteo. Ma Ahae ha voluto battere il guinness e abbondare!
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram