L'onda di plastica di Maria Cristina Finucci sbarca al MAXXI, per la prima “Festa Nazional... 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

L'onda di plastica di Maria Cristina Finucci sbarca al MAXXI, per la prima “Festa Nazionale” del Garbage Patch State. E la creazione di una sua speciale ambasciata

   
   
 
pubblicato

Postcards from Garbage Patch State

Ha debuttato esattamente un anno fa, l’11 aprile 2013, a Parigi. Parliamo del Garbage Patch State, di Maria Cristina Finucci, ideato intorno alla scottante tematica dell'accumulo di rifiuti plastici nei 3 oceani e nel Mediterraneo, fenomeno talmente vasto da coprire qualcosa come 16 milioni di chilometri quadrati appena sotto la superficie dell'acqua. Oggi, dopo la Maison de l'Unesco di Parigi, Cà Foscari a Venezia e ARCO Madrid, sbarca nel cortile del MAXXI "The Garbage Patch State Embassy”, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e in collaborazione con l’Università La Sapienza, a cura del Dipartimento educazione del museo.
In scena una nuova installazione (perché l'opera, come accade purtroppo nella realtà dei rifiuti in mare), non solo è in progress, ma soggetta a vere e proprie mutazioni: oggi sarà L’onda, struttura di trenta metri composta da scaglie di bottiglie riciclate a coincidere con l’apertura della prima Ambasciata del Garbage Patch State nel padiglione MAXXI educazione. I visitatori potranno infatti prendere la cittadinanza allo stato "plastico” come simbolo di adesione a un comportamento rispettoso nei confronti del pianeta, prendendo coscienza del fatto che questa situazione costituisce un mezzo di sterminio per la fauna marina e per l’ecosistema.
Ma oltre a tutto questo, stavolta è fondamentale un approccio didattico riservato non solo per i più piccoli, che potranno giocare con passaporti e schede appositamente create per loro, ma anche a dodici studenti di diverse nazionalità, chiamati a progettare sei diverse ambasciate del Garbage Patch State lavorando su due fronti: il design degli spazi pubblici e l’uso della comunicazione multimediale. «Il lavoro degli studenti, a cavallo tra design, architettura e comunicazione multimediale, è finalizzato a dare visibilità a un fenomeno invisibile e sconosciuto alla maggior parte di noi per sensibilizzare il pubblico e in particolare i bambini con cui il Dipartimento educazione del MAXXI lavora, circa la necessità di un uso consapevole degli oggetti, non demonizzando le materie plastiche che sono una irrinunciabile risorsa per la società contemporanea, ma promuovendo la loro dismissione sostenibile», spiega Cecilia Cecchini, curatrice della mostra. Giocando, o guardando, una causa da adottare. Per evitare che il mare, e il pianeta intero, restino stritolati da quel simbolo del 900 che ha cambiato le vite di tutti, e anche un po' della storia dell'arte: la plastica.   
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram