Venezia/Padiglioni. Ecco l'Albania di Armando Lulaj, tra gli scheletri del potere 3088 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/05/2018
Parte la campagna per finanziare il documentario dedicato alla Signora Ceppo di Twin Peaks
25/05/2018
L'ex produttore Harvey Weinstein si è consegnato alla Polizia di New York
25/05/2018
Online su Google, il museo digitale dedicato a Frida Kahlo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Venezia/Padiglioni. Ecco l'Albania di Armando Lulaj, tra gli scheletri del potere

   
   
 
Venezia/Padiglioni. Ecco l'Albania di Armando Lulaj, tra gli scheletri del potere
pubblicato

Nel padiglione albanese un enorme scheletro di balena si estende per la quasi totalità dello spazio espositivo. Viene dal Museo di Storia Naturale di Tirana, ma l'interesse per la sua presenza non è scientifico. La balena è piuttosto un relitto ingombrante, un indice della storia, che come dice un ufficiale americano alla fine del video Recapitulation "non può essere revisionata" ma va fatta riemergere, con tutti i diversi strati di significato che gli oggetti simbolo del potere hanno assunto con lo scorrere dei regimi politici e dei rivolgimenti sociali che hanno attraversato il Paese. Questo è l'interesse di Armando Lulaj che nel padiglione presenta anche tre video in cui la narrazione si sviluppa intersecando materiale d'archivio e materiale girato dall'artista. 
Ancora in Recapitulation protagonista è un'altra carcassa, questa volta di un aereo-spia americano intercettato nel 1957 e fatto atterrare dall'areonautica albanese, riesumato dal campo in cui è stato abbandonato dopo la fine della dittatura di Hoxha, che l'aveva fatto esporre nel Museo delle Armi della sua città natale. E' invenzione del nemico, il processo di formazione di un'identità attraverso la definizione delle forze avverse a cui opporsi - come ha detto durante la conferenza stampa il curatore Marco Scotini - che interessa l'artista. Un'invenzione materializzata nei 71 volumi scritti da Hoxha, a cui Lulaj sovrappone piccole foto delle vertebre del cetaceo, che torna come leviatano hobbesiano, simbolo del potere statale, divenuto oggi esso stesso un reperto da museo. (Silvia Simoncelli)
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram