Jeff Koons, accademico d’onore 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Jeff Koons, accademico d’onore

   
 Da ragazzino timido ad artistar, glissando sugli episodi più controversi della sua carriera: ecco il discorso perfetto all’Accademia di Carrara. Che lascia tutti senza fiato Petra Chiodi 
 
Jeff Koons, accademico d’onore
pubblicato

«Quello che mi emoziona è che, come artista, ho l’opportunità di creare il contesto e spingere verso un certo punto di vista. Poi lo spettatore completa la narrazione secondo le proprie potenzialità. È necessario entrare in contatto con il nostro potenziale. L’arte ne è l’essenza». La superstar del ready made kitsch, Jeff Koons, nominato Accademico d’Onore in Scultura per i 250 anni dalla fondazione dell’Accademia di Belle Arti di Carrara, oggi diretta da Luciano Massari, con un lungo, generoso e appassionato discorso, lascia tutti senza fiato. Centoventi minuti di memorie, statements e confessioni; da ragazzino insicuro che vendeva cioccolatini e carte da regalo porta a porta a fervente sostenitore della filosofia morale di Jon Deigh. 
«I miei gonfiabili sono fatti di respiro umano che è energia vitale», dichiara con una certa sicumera Koons. 
Sorvolando magistralmente il ciclo che lo vide protagonista con Ilona Staller di una vicenda sentimentale e creativa ben aldilà dei limiti del porno "sublime”, Made in Heaven, solo citato tra la serie delle Banalità (1988) e la scultura The Puppy (1992) - un "cucciolo” di Terrier alto dodici metri e animato da sessantamila piante e fiori - Jeff Koons ripercorre la sua carriera artistica mettendo a tacere qualsiasi controversia di natura etica o tecnica. 
Dimenticate le accuse di plagio, il chiaccheratissimo trasloco della sua base operativa nella fortezza del lusso degli Hudson Yards a New York e i tagli all’esercito di oltre cento assistenti. Mettete da parte la sua estetica del pop specchiante, vistosa e urlata. Le aspirapolveri (1980) del filone The New sono veicoli del desiderio, oggetti di uso quotidiano, nuovi per sempre, che mostrano la loro integrità (newness) in contrasto con la vanitas dell’essere umano. Mentre il pallone da basket immacolato che galleggia in Equilibrium Tank (1983-1984) ci rimanda al tempo prima di nascere, allo spazio metafisico. E la scultura in porcellana con Michael Jackson e la scimmietta (Michael Jackson and Bubbles, 1988)? Riflette la stessa trascendenza della Pietà Rondanini o della mummia di Tutankhamon. 

null
Jeff Koons, Accademia di Carrara

«Con The Rabbit (1986) ho voluto realizzare un’opera che fosse visivamente intossicante e generosa». Perché l’arte è condivisione, accettazione della propria storia - qualsiasi sia il tuo passato, è perfetto! - ed "equilibrio sociale”. 
Koons sfida qualsiasi logica, ma con uno stile talmente impeccabile e sopraffino da non permettere repliche. Neppure risolini. Il Ballon Dog, da quasi sessanta milioni di dollari, del resto, è un pezzo ritualistico con qualità positive e antiche, che ci rimanda alla preistoria, alla filosofia. Noi organismi viventi in relazione al mondo esterno, come siamo influenzati e come analogamente rimettiamo in circolo energia. 
Ma è l’aneddoto sulla monumentale e iconica Play-Doh, realizzata in un ventennio, ad infervorare il pubblico nell’aula magna dell’Accademia. Osservando la montagna informe di pongo (Play Doh in Usa) costruita dal figlio Ludwig, Koons, l’eroe dell’idea «che è sempre più potente della sua distribuzione», realizza di aver sempre lavorato con oggetti familiari e banali con l’intenzione di rimuovere le gerarchie e il giudizio. 
Voilà: ecco a voi Jeff Koons che celebra le persone e la capacità di accettare e connettersi con tutto ciò che c’è nell’universo. La Large White Ballerina, dalla serie delle Antichità, a cui sta lavorando adesso a Carrara con una troupe dell’Accademia, dialoga con le sculture barocche - quelle della chiesa di San Severo a Napoli o del Bernini - e le Gazing Balls, le sfere blu riflettono il qui ed ora, e ci ricordano sempre dove siamo e in quale direzione possiamo guardare: dentro, dove l’arte si manifesta, e fuori di noi. Ringraziando l’Accademia di Belle Arti di Carrara, che gli ha permesso di esplorare le profondità della pietra, Koons si autoproclama anche Life Coach. 
«Solo se abbracci l’idea di empowerment e accetti te stesso puoi aiutare gli altri e trovare il senso della vita». Grazie Jeff.

Petra Chiodi

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Petra Chiodi
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram