Videoarte - L’Art Vidéo 1980-1999.Vingt ans du VideoArt Festival, Locarno (Edizioni Gabrie... 3066 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/10/2018
Dopo 25 anni la statua di Zeus in trono torna a Baia
20/10/2018
Notturni da Chopin a Carlo Mattioli. All’Auditorium di Parma, concerto dedicato all’artista
20/10/2018
Il Sub-Marine di Giusva Pecoraino approda a Palermo

+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Videoarte
L’Art Vidéo 1980-1999.Vingt ans du VideoArt Festival, Locarno (Edizioni Gabriele Mazzotta, 1999)

   
 Vent’anni di storia di uno dei più importanti festival internazionali di videoarte. Per respirare l’aria di Monte Verità…  
 
pubblicato
”Amo l’arte contemporanea perché amo soprattutto la luce” diceva Apollinaire, il poeta di Alcools, il più lucido cantore delle avanguardie del primo Novecento, enucleando icasticamente l’essenza di un’arte che, incontrandosi con l’evoluzione della tecnologia, avrebbe dato vita a qualcosa di radicalmente nuovo: la videoarte, l’arte delle immagini luminose in movimento. Un’arte di luce di cui ci si innamora per folgorazione. E un innamoramento e una presa di partito a favore della videoarte, intesa come guerriglia contro i sistemi istituiti quali la televisione, il regime di musei e gallerie, il mercato dell’arte ridotta a oggetto di possesso e di consumo, caratterizzano gli esordi gloriosi degli anni Sessanta e Settanta. Il VideoArt Festival di Locarno nasce da questo clima pionieristico nel 1980.
Nel corso degli anni Ottanta, da una parte l’arte video acquisisce spazio e visibilità. Dall’altra l’accoglimento da parte del sistema arte tradizionale è anche un tentativo di addomesticamento. In questo contesto il FVL (Festival VideoArt Locarno) riesce, anche godendo dello "spessore topo-culturale" della tradizione vivente di Monte Verità, ad essere non solo uno dei festival internazionali più prestigiosi, ma a mantenere la vitalità critica dei primordi della videoarte. E questo non solo selezionando le opere e invitando e premiando con il Laser d'Or i protagonisti più rappresentativi della scena mondiale, ma avvertendo fin dagli inizi la necessità di una costante interrogazione critica che chiami le riflessioni e le testimonianze di videoartisti, filosofi, teorici dell’arte, esperti di nuove tecnologie e di scienze cognitive. Necessità che ha dato vita a seminari, atelier, workshop, e al Colloquio annuale internazionale. È proprio in questo spessore teorico e filosofico che risiede la specificità del FVL.
Negli anni Novanta la sfida è quella posta dalle nuove tecnologie digitali, dalla rivoluzione informatica e da internet. Il colloquio internazionale annuale diventa quindi on-line e l’interrogazione si apre ai problemi posti dalla multimedialità e dal cyberspazio.
È quindi preziosissima per lo studioso e l’appassionato questa pubblicazione che raccoglie una selezione ragionata degli apporti storici, teorici e critici elaborati e discussi nel contesto degli incontri e colloqui promossi dal FVL, oltre al programma dettagliato di ogni edizione del festival e degli avvenimenti connessi. Le illustrazioni fotografiche costituiscono un album del festival che documenta i video e le installazioni e ritrae i protagonisti: Nam June Paik, Robert Cahen, Gianni Toti, Steina e Woody Vasulka, Laurie Anderson, Jean-Luc Godard, Michelangelo Antonioni, Julian Beck e Judith Malina.

Articoli correlati
Invideo 2000: Video d'arte e di ricerca
Muoviti segno! Rassegna di cinema di animazione
VJ Convention 2001. Link Project
Opera totale 6. Musica. Immagini. Nuove tecnologie
Videodanza: la scena digitale
Link correlati
VideoArt Festival Locarno
Sito in cui oltre al programma del Festival nelle sue varie edizioni è possibile leggere gli abstract degli interventi al Colloque annuale on-off-line. Inoltre è possibile ordinare il libro usufruendo di uno sconto del 30%.

Lavinia Garulli


L’Art Vidéo 1980-1999. Vingt ans du VideoArt Festival, Locarno. Recherches, théories, perspectives. A cura di Vittorio Fagone. Fotografie di Lorenzo Bianda.
Testi di René Berger, Dany Bloch, Pierre Bongiovanni, Robert Caillau, Michel Camus, Daniel Charles, Michel Chion, Angiola Churchill, Vittorio Fagone, Jean-Paul Fargier, Don Foresta, Marco Maria Gazzano, Pierre Lévy, Alain Mergier, Jacques Monnier-Raball, Edgar Morin, Basarab Nicolescu, Matilde Pugnetti, Philippe Quéau.
432 pp. 120 illustrazioni. Lire 75.000 (Lire 55.000 ordinandolo tramite il sito del FVL). 1999 Edizioni Gabriele Mazzotta. Foro Bonaparte 52. 20121 Milano.

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Apollinaire, Edgar Morin, Gianni Toti, Jean-Luc Godard, Jean-Paul Fargier, Judith Malina, Julian Beck, Laurie Anderson, Marco Maria Gazzano, Michelangelo, Michelangelo Antonioni, Nam June Paik, Pierre Lévy, Robert Cahen, Vittorio Fagone, Woody Vasulka
 

2 commenti trovati  

23/04/2001
Ferdinand Jauss, Italia
Io aggiungo che il tuo articolo è scritto con passione, intelligenza, profondità e soprattutto cultura. Tu conosci benissimo, meglio di molti altri, la Videoarte e si vede che sei molto esperta anche di cinema. Ciao e grazie per le tue parole e per la tua bravura. Il tuo articolo è perfetto, e quindi è inimitabile.

22/04/2001
Costantino, Firenze
Un frammento di sole di delicata e rara bellezza... questa è l'unica definizione adeguata per la tua prosa. Sei bravissima.

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram