in fumo_interviste - Fumettisti d'invenzione! (2) 3094 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
BLOG
READING ROOM
CURATORIAL PRACTICES
MARGINALIA #19
READING ROOM
Exibart.segnala
recensioni
rubriche
         
 

in fumo_interviste
Fumettisti d'invenzione! (2)

   
 Alfredo Castelli, parte seconda. Ha scritto un libro folle sui fumettisti visti nelle fiction. E di questo continuiamo a parlare. Ma essendo uno studioso, tocchiamo anche l'arte alta. E qui Castelli non risparmia sciabolate...  
 
pubblicato
Abbiamo parlato a lungo di Fumettisti d'invenzione!. Ci siamo lasciati con una riflessione sui lettori italiani, a parer tuo poco interessati a questi temi. Perché questo distacco?
Prendiamo ad esempio le aste di Little Nemo organizzate da Pignatone. Non solo sono fatte molto bene, ma sono anche interessanti. Alla fine, in questo momento, va via una copertina di Alan Ford disegnata così e così però piace tanto ai lettori nuovi, anche se coi suoi trenta-quarant'anni è un pezzo d’antiquariato. Poi tutti quei disegni che piacevano a me quand'ero ragazzo, e che con grande sofferenza non potevo mai permettermi, beh, non valgono nulla e non interessano a nessuno. Le mie piccole collezioni di fumetti di inizio Novecento non hanno valore. Quindi il pubblico è cambiato.

È solo un problema che riguarda i lettori?
No, anche gli autori. C'è ad esempio un collega molto bravo, mio amico. Avendomi fatto dei favori gli regalai un distintivo di Pogo che risaliva alle elezioni americane degli anni ‘70. Ecco, se ci si occupa di fumetti non si può non conoscere Pogo. Questo mio collega e amico, nonostante fosse molto preparato, di lui non sapeva nulla. E non sa nulla neppure sulla storia del fumetto. Probabilmente neppure gli interessa saperne qualcosa. Eppure è un operatore del settore. Figuriamoci quale può essere la reazione all'esterno.

Illustrazione di Sergio ToppiAllora qual è il senso del tuo lavoro?
Pur essendo consapevole che interesseranno a pochi, le mie sono opere di nicchia che mi diverto a fare. Comunque sono lavori che resteranno come riferimento. Saranno la base di altri studi. Del resto esistono blog sui fumetti meravigliosi. E anche su quello si può investire per amplificare il messaggio. Ecco, diciamo che io fornisco dei materiali per i blog...

Ora stai parlando della diffusione libera di un prodotto a pagamento.
Per quanto la Coniglio editore faccia ottimi volumi, beh, vende pochissimo. Da tempo sostengo la diffusione dei libri in pdf. Magari col sistema del print on demand: non stampabili, possono essere scaricati e letti. Se il prodotto ti piace lo acquisti e te lo spediscono a casa con un capitolo aggiunto.

A proposito di libri: Fumettisti d'invenzione! è in uno strano formato A4. Molto leggibile ma anche ingombrante. Perché questa scelta?
Ho impaginato il libro da solo. E quello, per me, era un formato adeguato. Poi l'ho sottoposto alla Coniglio, che ha deciso di stamparlo. E a quel punto sono stato maledetto per la scelta della dimensione. Ma ormai il lavoro era fatto e non si poteva tornare indietro.

Ora parliamo d'altro. Nonostante le considerazioni sulla scarsa attenzione dei lettori, si parla ancora della riconoscibilità del fumetto come arte alta. Cosa manca ancora per il suo sdoganamento?
Il salto non è stato ancora fatto. Esempi di fumetti come arte alta non ce ne sono. Di alto artigianato, invece, ce n'è tanto. Ed è molto interessante. Il problema, semmai, non è riconoscere gli esempi di arte alta nel fumetto. Ma riconoscere a questo mezzo le possibilità di raggiungere certi livelli. Una possibilità negata a lungo.

Quali sono i maggiori impedimenti che condizionano questo sviluppo?
Nessun impedimento. Tutto dipende dalla posizione e dall'approccio dell'autore. Se qualcuno mi dice "Io farò l'artista”, per me è squalificato in partenza. Non sono cose che si decidono a priori. Ci può essere il bravo artigiano che per talento, capacità e sensibilità diventa un artista. Forse, proprio in virtù della scorsa considerazione di cui gode il fumetto, in questo campo è più difficile trasformarsi da artigiano ad artista. C'è meno gente che si avvicina al fumetto per fare l'artista di quanta ce ne sia nella pittura o nella musica.

Un lavoro di Roy Lichtenstein
Cosa significa essere un artista?

Ecco, non dobbiamo lasciarci ingannare da questa parola. È molto difficile da definire.

Penso a Sergio Toppi. Lui si è sempre definito un artigiano.
Un artigiano che ha raggiunto delle vette che possono essere perfino artistiche. Toppi è un autore bravissimo. Che la sua sia considerata arte o no, beh, a me non interessa molto. Il suo prodotto è ben fatto. Se poi fra un secolo il suo lavoro si ricorderà ancora, forse allora sarà considerata arte.

E come giudichi il rapporto fra autore e committente?
Molti dicono che il fumetto non può essere considerato arte proprio per questo. E soprattutto il fumetto "non d'autore".

"Non d'autore". Lo dici con un certo disprezzo. Perché?
Il problema sta nella definizione: un fumetto è "d'autore" quando a realizzarlo è una sola persona. Se oltre al disegnatore c'è anche uno sceneggiatore, non è "d'autore". Questa è la considerazione generale. Forse è perché un quadro, almeno in linea teorica, è un'opera d'arte attribuita a un solo pittore.

Comunque esistono molti esempi di "fabbriche d'arte”...
Sono convinto che oggi ci siano grandi artisti che in realtà hanno il talento per le public relation. Rispetto questa meravigliosa arte della promozione. Anche se poi il prodotto artistico non mi piace affatto. Prendiamo Maurizio Cattelan e il suo dito medio in piazza Affari, a Milano. Lui sì che è un genio delle public relation. Se io e te facessimo qualcosa di provocatorio, anche se tecnicamente perfetto, ci prenderebbero a calci nel sedere. Se invece la provocazione è lanciata da un genio della comunicazione come Cattelan, allora quella è arte. Quindi c'è un'immagine molto deviata dell'arte. Questa, infatti, è l'arte del farsi riconoscere.

Un fascio di bombe - tavolaE il fumettista?
In questo momento sta tristemente puntando su questa seconda ipotesi. Tantissime opere che a parer mio vengono scelleratamente considerate come il nuovo trend del fumettaro sono in realtà tristissime e pallose autobiografie. Attenzione, non tutte sono davvero così noiose. Ma non è detto che se uno inizia a far fumetti e dopo poco disegna la sua autobiografia in centinaia di pagine questa sia arte. E il problema è che il mondo della critica, a priori, la considera tale. La preferisce a un'onesta storia di Tex o di altri fumetti seriali.

Se uniamo queste considerazioni a quelle degli artisti delle public relation non è che il quadro sia confortante...
Prendiamo un altro esempio: Roy Lichtenstein. Anche lui era un artista della comunicazione. Però aveva anche una sua invenzione che lo rende a parer mio il più importante della categoria.

Allora Lichtenstein ti piace?
È il suo lavoro a essere divertente: ha preso e riproposto vecchie cose. Forse è tutto un problema di sostanza. E in Lichtenstein, così come in Jasper Johns, la sostanza c'è.

A proposito di editori, mercati, autobiografie e PR: un buon ufficio stampa quanto può condizionare la critica?
Moltissimo. Innanzitutto non esiste una vera critica del fumetto. Esiste molta più gente che ama il fumetto e a cui piace parlar bene del fumetto. Ma questa è una cosa differente dalla critica. Quella cinematografica, ad esempio, ha assunto delle connotazioni precise: anche un critico deboluccio è preparato, parla del prodotto e non dell'autore in termini folcloristici. Nel fumetto non è così. Soprattutto quando si scrive del prodotto seriale. In quel caso non si parla mai della storia ma dell'autore. Chiaramente abbiamo un vecchio vizio critico che vale tuttora: ciò che è noioso e incomprensibile è anche interessante. Sia chiaro però che non nego affatto il fumetto d'autore: apprezzo Gipi, Art Spiegelman e molti altri. Sono geniali, bravi e innovativi. Altri sono misere copie che toccano elementi di moda tanto cari alla critica del fumetto. Ecco, se avessi tempo e voglia disegnerei una finta biografia in stile sfigato. E avendo una certa tecnica...

La tua finta autobiografia riscuoterebbe un gran successo?
Forse. Ma cosa significa avere successo? Forse che scrivono molto bene di te (ma non vendi)? O che pur scrivendo poco di te vendi un sacco di copie? Vedi, recentemente è uscita la riedizione di un volume sulla strage di Piazza Fontana, Un fascio di bombe, realizzato parecchi anni fa da me, Mario Gomboli e Milo Manara. Per l'abilità di promozione dell'editore sono usciti molti articoli su questo libro. Ma nessuno si è degnato di leggerlo, e questo si capisce benissimo. (Se fossi un critico ci andrei giù pesante per i tanti errori.) Ecco, uno potrebbe pensare al boom dell'anno. Invece abbiamo venduto 800 copie.

Una spilla di Pogo
Torniamo agli autori di comic book, e chiudiamo la nostra conversazione. Quali sono oggi i migliori?

I migliori stimoli non arrivano da quelli americani. I più grandi autori o sono inglesi o sono ebrei. O di origine inglese ed ebraica. Si portano dietro un bel bagaglio culturale. Sono gli unici che riescono a dire cose nuove anche nel mondo dei supereroi. Penso ad esempio a personaggi come Frank Miller. Gente che si porta dietro la cultura europea. Secondo me il fumetto è un'invenzione fra l'ebraico, l'inglese e l'irlandese. Tutti i momenti migliori del fumetto americano sono infatti legati a questi tre Paesi.

articoli correlati
Fumettisti d'invenzione! (1)

a cura di gianluca testa


Alfredo Castelli - Fumettisti d'invenzione!
Coniglio Editore, Roma 2010
Pagg. 352, € 24,50
ISBN 9788860632340
Info: la scheda dell'editore

[exibart]



strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Gianluca Testa
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alan Ford, Alfredo Castelli, Frank Miller, gianluca testa, Mario Gomboli, Maurizio Cattelan, Milo Manara, Roy Lichtenstein, Sergio Toppi
 

trovamostre
@exibart on instagram