Vienna Design Week: uno sguardo sull’universo delle cose fatte dall’uomo 3069 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
24/06/2019
A Lucca torna LuBi, la Biennale internazionale della carta. Aperte le iscrizioni per partecipare all’evento
22/06/2019
L'Adidas ha annunciato una capsule collection omaggio a Keith Haring
21/06/2019
La scuola di Twin Peaks verrà demolita a luglio
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Vienna Design Week: uno sguardo sull’universo delle cose fatte dall’uomo

   
   
 
pubblicato

Olgoj Chorchoj – Back to the Childhood – installazione con gli autori (©Kollektiv Fischka)Alice nel paese delle meraviglie! È con questa allusione al racconto di Lewis Carroll che il Liechtenstein Museum dà per primo il benvenuto ai naviganti della Vienna Design Week edizione 2010. Una "settimana” dalla durata di ben dieci giorni - fino al 10 ottobre - che promette multidisciplinarità, sperimentazioni e incontri a non finire. Chiariamo intanto che quel riferimento al mondo di Alice calza perfettamente ad una installazione - Back to the Childhood (Ritorno all'infanzia) - nell'ambito della mostra che inaugura l'intera manifestazione.
Si entra in una sala e ci si trova al cospetto di due sedie, un tavolo di legno con sopra bicchieri da acqua e da vino, un portacandele, un posacenere e altro: un insieme di oggetti che possono comunemente e quotidianamente far parte delle nostre abitudini. Che c'è di strano? Che tutti questi oggetti hanno proporzioni giganti; creati e assemblati dallo studio praghese Olgoj Chorchoj.
L'installazione va vista come esaltazione della familiarità, unita ad un senso di rinnovato stupore, degli oggetti quotidiani. Concretezza, quindi: concretezza come parola chiave di questa edizione. Concretezza declinata in una lunga serie di visite guidate a cominciare dai luoghi d'origine della creatività come gli atelier dei designer, quindi le officine di produzione e i luoghi di esposizione e commercializzazione. Ma troviamo anche un richiamo alle radici del moderno design austriaco con la rievocazione di un personaggio emblematico come l'architetto Josef Frank (1885-1967), il quale a un certo punto della sua vita scelse la Svezia come luogo congeniale alla sua creatività. Ma sì, dici Svezia e subito spunta il colosso Ikea nelle vesti di ospite d'onore della manifestazione sotto il principio di Democratic designers.
Insomma, Why Design? Perché il design? Lo spiegheranno in una serie di conferenze, così intitolate, quattro assi di sicuro successo internazionale: Stefan Sagmeister, Konstantin Grcic, Inga Sempé, Gijs Bakker. (franco veremondi)

articoli correlati
Vienna Design Week 2009, oggetti senza paternità
Vienna Design Week 2008: Karim Rashid sale in cattedra


Fino al 10 ottobre
Sedi varie - Vienna
www.viennadesignweek.at

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: franco veremondi, Gijs Bakker, Inga Sempé, Josef Frank, Karim Rashid, Konstantin Grcic, Lewis Carroll, Olgoj Chorchoj, Stefan Sagmeister
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram