in fumo_opinioni - Separati in casa 3122 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

in fumo_opinioni
Separati in casa

   
 Ancora una volta al centro di tutto c'è Lucca. La città che ogni anno ospita il tradizionale salone, ha anche un Museo del Fumetto. Ma fra le due realtà il rapporto è glaciale...  
 
pubblicato
Quella di quest'anno sarà una Lucca un po' fricchettona. Il pay-off del Comics & Games 2010 invita a quattro giorni di pace, fumetti e giochi. E se non si fosse capito il messaggio, c'è sempre il manifesto pronto a chiarire le idee. Ecco, lì c'è quella piccola peste di Cappuccetto Rosso. Dite sia una brava bambina? Certo, lo è nelle varie trascrizioni dei fratelli Grimm o di Charles Perrault. Ma questa è un'altra fiaba, è tutta un'altra storia. Infatti, quella ragazzina tutto pepe si legge un fumetto appesa ai fili di una mongolfiera sopra gli alberi di Torre Guinigi. E il Lupo Cattivo, chitarra in spalla e camicia in stile Woodstock, si fa una canna (ma no, è una sigaretta...) seduto sul cofano di un maggiolino a fiori su cui sono legati ben stretti bongo, pecorella, ombrellone e botte di vino. Chi manca ancora? Ah, la vecchia nonna. Sta lanciando fragole con la fionda. E il cacciatore, pipa in bocca, si è dato alla pesca. Mica scherza: pesca fumetti.
È proprio attorno a questo mondo straordinario e contraddittorio che si sviluppa la Lucca dei comics e delle polemiche. Se da una parte s’inneggia alla pace col bel manifesto di Max Frezzato - artista d'alto livello, capace di creare su qualsiasi supporto e con qualunque materiale, purtroppo snobbato dalla critica e poco conosciuto dal pubblico - la società partecipata che organizza il festival di settore più importante d'Italia lascia fuori dai giochi il Museo del Fumetto di Lucca, la struttura cugina che però è di esclusiva proprietà comunale. Sia chiaro: nessuno ha mai fatto un passo avanti per trovare un punto d'incontro. Né gli amministratori né i responsabili delle due realtà hanno compiuto il benché minimo sforzo perché qualcosa potesse cambiare. Semplicemente ognuno va per la sua strada. Eppure ci si aspetterebbe qualcosa di più da quella che è comunemente riconosciuta come "la città del fumetto".
Il Pinocchio di Max Frezzato
Però non tutto va come deve. Così, nei quattro giorni di "pace, fumetti e giochi" (dal 29 ottobre al primo novembre) Lucca si spacca in due: da una parte c'è Lucca Comics & Games 2010 coi suoi grandi numeri e un bilancio societario da ripianare (nonostante aumenti lo spazio espositivo - e il costo del biglietto - l'austerity ha già imposto il sacrificio del festival d'animazione primaverile, Lucca Animation, e l'allestimento di tre mostre low cost: Massimiliano Frezzato, Ausonia, Gary Frank e un'antologica sul Libano); dall'altra c'è il Museo del Fumetto, che continua a portare avanti il suo programma espositivo e che in quei giorni ospiterà nelle sue sale i primi Stati generali del fumetto.
Chiaramente un evento tira l'altro. Nel 2009 il salone del fumetto ha contato 140mila presenze (il 60% ha un'età compresa fra 15 e 35 anni), numeri assolutamente rilevanti per i circa 400 espositori che continuano a pensare che questa sia la piazza migliore - e più appetibile - dove presentare novità editoriali e prodotti connessi al mondo comics (la "costola” games, ormai prepotentemente affermata, ha invece una vita autonoma e decisamente florida). Ci saranno anche centinaia di autori, perché ogni casa editrice porta i migliori cavalli di scuderia. Claudio Stassi per EtruscomixQuindi non è difficile immaginare le presenze agli Stati generali, nati su iniziativa di Claudio Stassi (autore per Rizzoli, Becco Giallo, Tunué, Pavesio) e del critico Luca Boschi. Che su Cartoonist globale scrive così: "In coincidenza con le date di Lucca Comics & Games 2010, ma non organizzata nell'ambito delle sue iniziative, quest'anno si terrà una tavola rotonda interamente dedicata ai temi e ai problemi più importanti dei fumettisti italiani, dove saranno presenti alcuni rappresentativi autori italiani e si auspica la partecipazione dei professionisti del settore con interventi mirati e circostanziati.
Insomma, più che il fumetto, a essere in crisi sono i rapporti fra editori e autori. Soprattutto in relazione al mercato, che cambiando in fretta rende necessaria una riflessione attenta cui far seguire provvedimenti concreti e condivisi. "Lo scopo di questa iniziativa non è di portare in piazza le beghe in merito ai compensi degli autori”, spiega Claudio Stassi. "Vorremmo poter fare un'analisi più ampia che toccherà vari punti di interesse generale, compreso quello del ruolo del fumetto nel mercato editoriale. L'obiettivo è di iniziare un dibattito serio su un tema troppo spesso sottovalutato sperando di condividere alcuni punti contrattuali chiari e fondanti per tutti quanti”.

articoli correlati
Il festival del 2009

Il Comics Day

gianluca testa

*articolo pubblicato su Exibart.onpaper n. 68. Te l’eri perso? Abbonati!


dal 29 ottobre al primo novembre 2010
Lucca Comics & Games 2010
Info: www.luccacomicsandgames.com

[exibart]



strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Gianluca Testa
vedi calendario delle mostre nella provincia Lucca
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Charles Perrault, Claudio Stassi, Gary Frank, gianluca testa, Jacob Ludwig Karl Grimm, Luca Boschi, Max Frezzato, Wilhelm Karl Grimm
 

trovamostre
@exibart on instagram