didattica_interviste - Ricette didattiche di suoni e profumi 3063 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/05/2019
Ai Weiwei mette a dura prova la Kunstsammlung di Dusseldorf
17/05/2019
Artists Development Programme 2019. Tra i vincitori del concorso anche Pamela Diamante
17/05/2019
Sull'isola greca di Delo sbarcano le opere di Antony Gormley
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

didattica_interviste
Ricette didattiche di suoni e profumi

   
 A distanza di alcuni anni siamo tornati da Arianna Sedioli e Luigi Berardi, a parlare dei progetti per Artesonoraperibambini. E delle loro ricette profumate e sonore... Annalisa Trasatti 
 
pubblicato
Ci ritroviamo a distanza di quattro anni: il vostro sodalizio come si è evoluto?
La nostra ricerca sul rapporto fra estetica, gioco e sonorità si è ampliata, sconfinando in altri "universi" sensoriali. Nel 2008 abbiamo realizzato il nostro primo lavoro olfattivo: la mostra Odorosa, inaugurata a Explora, ilMuseo dei Bambini di Roma, e che ha accolto ben 70mila visitatori. La leggera materia sonora ci ha condotti verso una materia ancora più mobile ed effimera: le installazioni come CoperteNuvole, Labirinto di arancio e menta, La macchina per imbottigliare arie profumate, che offrono ai bambini la possibilità di scoprire ilmondo con il naso, recuperando istintività e intuizione.

Solo odorato?
Dopo quest'affascinante e complesso progetto, dove abbiamo "toccato con mano" le difficoltà a gestire le variabili temporali dell'odore,ci siamo immersi nelle piacevoli concretezze della materia saporosa: nel 2008 abbiamo creato la mostra Assaggia l'arte!, presentata per la prima volta nella stupenda cornice dell'Abbadia di Fiastra. Possiamo dire che in questa fase ci piace "giocare" a dar forme plastiche ai suoni, a inventare architetture di odori, a trasformare in nuvole i sapori, ricercando armonie per rendere tangibile ciò che non si trattiene e viceversa.

Nel panorama delle vostre attività, il settore editoriale mi sembra abbia avuto un forte impulso. È dovuto alla richiesta del mondo dei docenti e degli operatori?
Gli educatori e gli insegnanti chefrequentano le nostre mostre e i nostri percorsi formativi evidenziano il bisogno di essere supportati da pubblicazioni sui molteplici linguaggi espressivi dei bambini. I nostri libri offrono spunti di riflessione sull'apprendimento sensoriale estrategie operative, mai slegate da documentazionifotografiche e audio. Ma scrivere un libro proponendo idee e percorsi educativi è anche una magnifica opportunità per ri-osservare e ri-progettare il proprio lavoro.

Roberta Colombo & Arianna Sedioli - In viaggio con Teo
Com’è lavorare costantemente sul territorio nazionale? Che panorama educativo incontrate e quali pubblici si avvicinano?

Il panorama nazionale è molto variegato, anche se e la buona riuscita di un progettoè sempre affidata alla volontà, alla sensibilità e all'intelligenza delle singole persone (siano esse politici o insegnanti o pedagogisti). Le nostre mostre e i nostri laboratori sono frequentatissimi (bambini, famiglie, docenti, operatori, pedagogisti) ma è difficile dare continuità alle esperienze, che rischiano di essere occasioni belle ma slegate da una progettualità più ampia. Invece il nostro lavoro, come quello di molti altri artisti che si rivolgono ai bambini, prende sostanza da ciò che avviene "dopo", in un dialogo continuo con le istituzioni che si occupano di educazione. Ma questo quasi mai si avvera.

Quali sono i progetti a cui state lavorando in questo momento? E i prossimi appuntamenti da non mancare?
Stiamo lavorando alla progettazione di arredi sonori (è stato recentemente inaugurato uno spazio permanente, La casetta dei suoni a Forlì, dove i bambini dei nidi e della scuola dell'infanzia trovano materiali conosciuti ma reinventati e allestimenti capaci di meravigliare, dilatando l'esperienza del quotidiano alla dimensione del sogno e dell'immaginazione) e a diverse mostre che hanno ottenuto l'accreditamento di Nati per la Musica, progetto nazionale per la diffusione della musica 0-6 anni. In particolare: In Forma d'Acqua, attualmente allestita presso il MuseoRidola di Matera, e Chicchi di Suono, che inauguriamo domani al Mar di Ravenna.

Casetta dei suoni - atelier permanente presso il nido Pimpa di Forlì - photo Stefano Tedioli
Qualche parola in più sull’appuntamento ravennate?

Al Mar sperimentiamo per la prima volta la collaborazione con Teatro del Drago: le nostre installazioni si arricchiscono "contaminandosi" con i meravigliosi scenari e gli oggetti d'arte che fanno parte della collezione di questa compagnia. Durante il periodo espositivo ci saranno eventi collaterali: due giornate di studio e workshop sulla musica per i più piccoli, la presentazione del libro sonoro In Viaggio con Teo, lo spettacolo per luci, suoni e ombre Il Mare Blu.

articoli correlati
Arte sonora per gioco

L’intervista del 2006
Suoni in Triennale

a cura di annalisa trasatti


Info: www.artesonoraperibambini.com

[exibart]



strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Annalisa Trasatti
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: annalisa trasatti, Arianna Sedioli, Luigi Berardi
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram