in fumo_personaggi - Il Monicelli fumettaro 3059 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
recensioni
rubriche
         
 

in fumo_personaggi
Il Monicelli fumettaro

   
 Da un suo soggetto che non è mai diventato film è stato creato un fumetto, che ora poteva diventare anche un cartoon. E pensare che Mario Monicelli, appena suicidatosi, voleva fare il fumettaro...  
 
pubblicato
Morto suicida a 95 anni. Ha voluto anticipare il suo momento evitando inutili sofferenze. Così ha bruciato la morte sul tempo con l'ultima zingarata. Una supercazzola teatrale dove dramma e commedia s'incrociano in una miscela di sentimenti poco definibili. Il grande regista Mario Monicelli, che non ha mai amato farsi chiamare "Maestro", ha messo in scena l'ultimo atto di una vita trascorsa a raccontare l'Italia d'ogni tempo gettandosi dal quinto piano dell'ospedale San Giovanni di Roma.
Al di là della sua lunghissima produzione cinematografica, forse non tutti sanno che Mario Monicelli, superati i novant'anni, si era avvicinato al fumetto. E che un paio di anni fa ha perfino partecipato a Lucca Comics & Games. Ma perché Monicelli arrivò a Lucca? Fu lui stesso a spiegarlo in quel mai troppo lontano 2008: "Dai un mio soggetto scritto nella metà degli anni ‘70, mai realizzato al cinema, un intellettuale e grande disegnatore come Massimo Bonfatti, leggendolo, ha deciso di farne una storia a fumetti. Quindi siamo venuti qui a presentare il libro. Lui ha ringraziato me e io ringrazio lui".
Il libro in questione è Capelli lunghi, che Monicelli racconta così: "Parla dei primi industrialotti italiani desiderosi di assomigliare ai grandi imprenditori d'oltreoceano. Cominciano così a storcere la bocca e ad essere più esigenti con gli operai delle loro piccole fabbriche. E se c'erano operai coi capelli lunghi, molto di moda in quegli anni, li obbligavano a tagliarseli con dei ricatti. Per contestare il fenomeno scrissi questo soggetto abbastanza equilibrato in cui poi accadono fatti anche molto gravi".
Mario Monicelli a Lucca nel 2008 - photo Lucca Comics and Games
Gli autori - insieme a Bonfatti c'è anche il giornalista Franco Giubilei, che ha contribuito alla scrittura - pensavano di farne anche un cartone animato. Lo scrive il disegnatore sul proprio sito: "Lui mi lasciava fare come un nonno lascia fare il nipotino fastidioso. Io avrei voluto coinvolgerlo, come regista, supervisore o semplicemente voce narrante", racconta Bonfatti. "Era recalcitrante, non voleva rimettersi al lavoro a causa della debolezza e della vista sempre più fioca. Eppure lo divertiva l'idea che un fumettaro portasse avanti una sua idea, al punto di siglare un accordo tra di noi. Ho sempre avuto la fiducia di riuscire a convincerlo, prima o poi, e il documentario che stavamo preparando era anche finalizzato a questo. Ora cambia tutto, ma non tutto si fermerà. Le idee, i progetti, i sentimenti che si esprimono con le opere dell'intelletto continuano a germogliare, a dare frutti e a seminare. Mario era un uomo fecondo, e di buona qualità. Per questo una parte di sé rimarrà con noi". Una parte del materiale girato dal gruppo Officine Tolau per il documentario su Capelli lunghi è stato pubblicato in queste ore su YouTube. Questo, ahinoi, è il presente.
77805In passato, sempre a Lucca, sempre nel 2008, a Monicelli fu chiesto anche quale fosse il suo rapporto col fumetto. Inizialmente la risposta fu laconica: "Nessuno", disse il regista. "Questa che mi è capitata alla fine della vita è davvero la prima esperienza. Merito di questo bravissimo disegnatore, Bonfatti, che avendo letto questa idea ha poi voluto realizzarla a fumetti". Del rapporto tra cinema e fumetto, però, aveva un'opinione positiva: "Il fumetto è pur sempre rappresentato da immagini in sequenza, proprio come al cinema. Però non sono in movimento. Raccontano storie e personaggi bellissimi. Se poi un autore ha pure un bel tratto, beh, sono bellissime da vedere". A questo punto, per Monicelli, è come se si fosse spalancata una finestra sull'inconscio: "Vorrei essere stato un fumettaro invece di un cinematografaro. Ma non sono più in tempo", disse.
Ora Mario Monicelli non c'è più. "Se n'è andato", scrive Bonfatti. "Ha spiccato il volo verso un'altra dimensione, è l'ha fatto nel modo per lui più dignitoso possibile, mantenendo stretto il suo amore per la vita e la sua profonda umanità. Il suicidio è l'estrema scelta del libero arbitrio, ciò che ci rende umani. La notizia mi ha rattristato ma non mi ha amareggiato, mi dispiace sapere che non potrò più vederlo e sentirlo, ma sarebbe stato più penoso vederlo privato della sua dignità, della sua libertà, delle sue stesse idee". Massimo sceglie di scrivere per fargli sapere che gli voleva bene, che tanti gli volevano bene. "Non solo perché tramite la sua opera e le sue parole abbiamo assaporato un esempio di libertà di pensiero, di coraggio nell'esprimerlo e di umana simpatia. Ma anche perché le persone come lui danno tanto a tutti gli altri ed è giusto esserne grati".

articoli correlati
La morte di Monicelli

gianluca testa

[exibart]



strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Gianluca Testa
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: gianluca testa, Mario Monicelli, Massimo Bonfatti
 

trovamostre
@exibart on instagram