La Biennale di Brescia? Bella sòla! Un'altra storia di artisti, e stavolta sono più di 300... 3157 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

La Biennale di Brescia? Bella sòla! Un'altra storia di artisti, e stavolta sono più di 300, truffati per esporre

   
   
 
pubblicato

Villa Morando a Lograto, sede della Biennale di Brescia

50, 100 o 150 euro di iscrizione per ogni artista, a seconda della categoria. E sono circa 300 quelli che li hanno versati, in occasione della seconda Biennale di Brescia, organizzata a Villa Morando di Lograto, nello scorso mese di marzo. Una storia che è uscita alla ribalta solo in questi giorni, con una serie di azioni legali da parte dei creativi, che venuti da tutta Italia, si sono ritrovati alla cerimonia di premiazione senza giuria e senza artista vincitore, tale Tone Vi, che avrebbe incassato un montepremi pari a 10mila euro. Alessandro Matta, grafico di Firenze che è stato coinvolto nel progetto sta raccogliendo materiale, documentazione e testimonianze da parte dei partecipanti. 
La sensazione di essere stati ingannati non solo è arrivata al momento che tutti aspettavano, quando i giurati se la sono data a gambe mezz’ora prima che venissero aperte le porte al pubblico: questa non è stata che la prima di una serie di "perplessità” arrivate agli occhi degli astanti: oltre a non essere presente in persona in mostra, l'artista vincitore non è presente in nessun'altro archivio, web, cartaceo, di galleria o simili che sia. Un fantasma insomma, che appare solamente sul proprio profilo nel portale "Celeste Network”, e che mostra nient'altro che l'opera vincitrice ad ArsBrescia (dal nome dell'omonima associazione culturale che si occupa della "produzione” dell'evento) ma senza nessun riferimento, contatto o altro. 
E dell'altro, invece, in questa storia c'è: nessuno dei creativi contattati dichiara di aver ricevuto una fattura per i pagamenti delle iscrizioni. Il che significherebbe che l'Associazione ha incassato qualcosa come 30 mila euro in nero. Un Premio che si è pagato da solo insomma, come tutto il resto, verrebbe da dire. Peccato però che per il vincitore non vi fosse nemmeno una medaglietta, ma un'etichetta adesiva, attaccata direttamente sull'opera, a sancire la vittoria. Nel frattempo il sito della manifestazione non è più cliccabile e qualche maestranza sta denunciando il mancato pagamento da parte dell'associazione. E se Matta, grazie al quale è venuta a galla tutta questa storia afferma di «non voler fare polemiche, ma solo di avere più rispetto per l'arte», forse un po' di polemica invece sarebbe giusto farla. Anche nei confronti di chi continua a versare denaro, anche in cifre minime se prese individualmente, per esporre! 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

6 commenti trovati  

31/10/2013
Andrea
http://www.andreart.it
Condivido i commenti a questa notizia. Purtroppo il mondo dell'arte è pieno di avventurieri e sedicenti galleristi e critici d'arte. Le "Biennali" fioccano in gran parte d'Italia, le selezioni sono approssimative, poco trasparenti e servono solo a far cassa. La cosa che mi rattrista è che molte di queste manifestazioni hanno lo sponsor delle regioni, province, comuni e del MIBACT. Questi enti pubblici dovrebbero prestare più attenzione prima di sponsorizzare manifestazioni di dubbio contenuto artistico. Un plauso a Exibar che ha portato agli oneri della cronaca la sòla della Biennale di Brescia.

31/10/2013
Calogera Baldacchino, Catania
Voglio ringraziare anch'io la redazione di Exibart per aver pubblicato questa notizia. Io infatti lavoro presso il Comune della mia città alle Politiche Giovanili ed in particolar modo mi occupo della Promozione dei Giovani Artisti.
Tra i mie compiti c'è anche quello di informare gli utenti sulla possibilità di partecipare a Premi e Concorsi che riguardano i temi dell'arte.
Molto spesso non ho la possibilità di verificare la veridicità di questi concorsi, che estrapolo da internet, per cui condivido in pieno queste denunce che ci aiutano a svolgere meglio il nostro lavoro.
Gera Baldacchino


31/10/2013
Alessandro Matta
Ringrazio la redazione di exibart per aver scritto questo articolo, per chi volesse aiutarmi a condividere ulteriormente la notizia nella speranza che quanto accaduto non finisca nel dimenticatoio, vi riporto i link dopo potete prendere tutte le informazioni.

http://www.alessandromatta.it/rispetta-larte-polemica-sdegno-biennale-brescia-artbrescia-201/

http://www.alessandromatta.it/biennale-di-brescia-era-una-truffa-fonte-quibrescia-it/

http://www.alessandromatta.it/artbrescia-si-tinge-di-giallo-sconcerto-tra-i-partecipanti/


31/10/2013
barbara Pietrasanta, Milano Italia
http://www.barbarapietrasanta.info
Chiamare creatività il raggiro è veramente un pensiero figlio dei nostri giorni, dove chi è furbo è "really smart".

31/10/2013
Barbara Pietrasanta, Milano Italia
http://www.barbarapietrasanta.info
Purtroppo queste cose accadono quotidianamente. Noi artisti siamo letteralmente invasi da ogni genere di proposta a pagamento di biennali e simili. Per non dire da critici o gallerie che campano a nostre spese. Ciò che ne viene fuori è che è tutta fuffa e, spesso, sono realtà create all'upo e poi spariscono. I socialnetwork hanno creato il campo su cui si muovono questi scaltri e fantomatici galleristi o critici e, con confezioni attraenti, aggirano l'artista che oggi, in genere, vive un periodo di crisi del mercato. Anche molti eventi sono fuffa, tipo il Brerart, appena svolto a Milano, che di artistico non c'era nulla, solo scopo commerciale di negozi che promuovevano i loro prodotti dietro due o tre quadri in mostra. Che tristezza per l'arte!

31/10/2013
Plateaincerta
Come altre manifestazioni simili gli unici che hanno un progetto creativo sono gli prganizzatori! I partecipanti sono sempre gli analfabeti dell'arte!

trovamostre
@exibart on instagram