Marijuana a Icastica? Il sindaco di Arezzo fa tagliare un labirinto ambientale di canapa t... 3053 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2018
Si riapre l’indagine sul furto della Natività di Caravaggio
19/06/2018
Le tappe di Ora!X. Iniziano i corsi di empowerment per il premio di Compagnia San Paolo
19/06/2018
Il direttore del Palais de Tokyo curerà la prossima Biennale di Lione
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Marijuana a Icastica? Il sindaco di Arezzo fa tagliare un labirinto ambientale di canapa tessile, temendone la "tossicità"

   
   
 
pubblicato

La Promenade rasa al suolo

Solo domenica gli animalisti davanti alla Galleria d'Arte Contemporanea a protestare contro Hirts e il suo montone in formaldeide, con il curatore Pasquale Macrì che ha preso le difese della libertà artistica e che ha assicurato che l'opera, ricordiamolo, realizzata nel 1994, non ha usato violenza sull'animale; poi l'episodio degli "Omini bianchi" rubati, poi recuperati danneggiati e ora in fase di riparazione e oggi l'ennesimo temporale su una rassegna che, solo al suo secondo anno di vita, si sta rivelando più difficile del previsto. Che succede sotto il cielo di Arezzo? Che il sindaco Giuseppe Fanfani ha fatto tagliare Promenade, un progetto del critico d'Arte Danilo Sensi inserito all'interno della rassegna Icastica e opera degli artisti Carlo Trucchi, Valentino Carrai e Luca Mauceri. Perché? Perché il labirinto ambientale era composto di piante di canapa, che in parole povere significa marijuana in libera crescita in città
Peccato che dalle analisi non risulti proprio nulla di "tossico" (perché le piante erano per uso tessile), ma il primo cittadino ha ribadito che voleva certezze, e che in viale Piero della Francesca, vista la somiglianza con la cannabis, era necessario dare una bella spuntatina.
Il mondo culturale della provincia toscana, come diffuso in uno scarno comunicato, si dice sconcertato per una decisione assurda che non ha precedenti nel nostro Paese. L'opera fra le altre cose era stata espressamente autorizzata da Fanfani. Che dire? Piove sempre sul bagnato? In questo caso, ancora una volta, nello stagno di una mentalità che vede "scandali" e "pericoli" in ogni angolo, anche creativo. 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

4 commenti trovati  

03/09/2014
Savino Marseglia
Interessante?????

30/08/2014
Paolo migliore, Arezzo
Proprio perché succede tutto questo, arezzo è diventata interessante... Grandi, avanti così.

17/07/2014
Savino Marseglia
Tutta questa pseudo arte sta ad indicare la mancanza di condivisione da parte di un pubblico assuefatto a queste trovatine inutili. Ma si avrebbe torto a voler perdere tempo ad interpretare il linguaggio dell'ovvio. Del resto il pubblico italiota è stato allontanato dall'arte antica, moderna e contemporanea, proprio da una classe politica inefficiente e da una casta culturale che conta, che vive in simbiosi con il potere dominante. I risultati sono sotto gli occhi di tutti!
E si capisce bene la comprensibile reazione dei cittadini. Par di assistere qui ad una grottesca commedia all'italiana. I problemi dell'arte si trovano sulla strada e gli artisti, il sindaco e il pubblico recitano in un "circolo vizioso" sufficiente per soffocare l'arte e la cultura.


16/07/2014
Monica Zanfini
Mi pare che ad Arezzo quest'anno non ne indovinano una!

Manifesta 12 - Palermo - La guida con tutti gli eventi e non solo
trovamostre
@exibart on instagram