Una giornata di sapere, intorno al Mediterraneo e ai suoi cambiamenti. Torna, al Teatro Ol... 3094 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/03/2019
La storia di Galleria Borghese raccontata in un nuovo volume della Treccani
20/03/2019
Per questo fisico, la storia dell’arte si racconta con l’algoritmo dell’entropia
19/03/2019
L’open day della Rome University of Fine Arts, per rilanciare San Lorenzo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Una giornata di sapere, intorno al Mediterraneo e ai suoi cambiamenti. Torna, al Teatro Olimpico, TEDxRoma

   
   
 
Una giornata di sapere, intorno al Mediterraneo e ai suoi cambiamenti. Torna, al Teatro Olimpico, TEDxRoma
pubblicato

Si intitola "Mediterranean Carousel” la nuova edizione di TEDxRoma che torna sabato nella Capitale, al Teatro Olimpico. Una giornata di studi che promette di indagare il Mediterraneo come "spazio che lega culture e saperi, tecnologia e tradizioni, arte e identità” attraverso un resoconto di passioni ed esperienze di varie personalità, "animatori” dei propri Paesi e non solo.
Un'area geografica tra le più variegate del mondo, con una serie di problematiche non indifferenti (dall'immigrazione alle nuove forme di terrorismo), ma che da sempre vive di un incontro (e anche scontro), che all'Olimpico prenderà forma invece a partire dall'idea di movimento e cambiamento, attraverso tre sezioni: Dalla staticità al movimento; Dalla tradizione alla modernità; Dalla differenza alla ricchezza.
Le idee, le carriere, meritevoli? Saranno quelle di Alia Mahmoud, tunisina e direttrice del Microsoft Innovation Center; Defne Koryurek, esperta di sostenibilità alimentare e ambientale in Turchia e anche Jesus Vega, spagnolo e manager del colosso, diventato mondiale, Zara. In rappresentanza dell'Italia, invece, per una volta ci saranno ben due artisti, contrariamente a quello che capita in altre manifestazioni: Francesco Vezzoli, già rappresentante dell'Italia alla Biennale di Venezia (sopra uno still del video Democracy), e Angelo Bellobono, che abbiamo ospitato anche su Exibart con il suo progetto Atla(s)Now, sulla contaminazione culturale tra arte e abitanti delle montagne del Marocco sulla catena dell’Atlante. E poi anche l'architetto Gianluca Peluffo e il Cultural Manager Paolo Petrocelli.
Chi ha detto, insomma, che il Mediterraneo deve essere solo tradizione e non innovazione? E chi ha detto che, all'ombra della cronaca quotidiana, non si nasconda un'altra economia, fatta di pensiero oltre che della "Grande Bellezza” che gli si riconosce? Appuntamento per una nuova "culla” della cultura contemporanea alle 9 del giorno di primavera. Per un altro nuovo inizio. http://www.tedxroma.com
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram