“MArteLabel”: un universo più che musicale. Ecco l’Etichetta dell’Arte che sperimenta vie ... 3075 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
14/11/2018
Pornhub e Milo Manara insieme, per un gioco di carte. Red Light, ovviamente
14/11/2018
Palazzo Grassi racconta la sua lunga storia, per due giorni tra moda e arte
14/11/2018
Disney Pixar ha rilasciato il primo teaser trailer di Toy Story 4
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

“MArteLabel”: un universo più che musicale. Ecco l’Etichetta dell’Arte che sperimenta vie alternative

   
   
 
“MArteLabel”: un universo più che musicale. Ecco l’Etichetta dell’Arte che sperimenta vie alternative
pubblicato

C'è un'etichetta che non fa solo musica, ma che si rinnova con l'arte. Parliamo di MArteLabel, nata nel 2008 all’insegna della diversificazione, dell’ecletticità e del live, propone spettacoli dal vivo ibridi e pronti a contaminarsi. In un momento in cui il mercato discografico è in forte crisi la risposta di MArteLabel è quella di cambiare prospettiva allargando la sua identità su diversi, ma comuni, fronti. 
Una vera e propria "Etichetta dell’Arte” pronta ad agire su diversi settori che ha portato all’articolato MArteLive System: un insieme di eventi, progetti e iniziative collegate tra loro da MArteLive, il primo festival in Italia – a Roma - che unisce 16 categorie artistiche differenti (musica, teatro, danza, circo, letteratura, cinema, videoclip, pittura, fotografia, grafica, graffiti/writing, fumetto, artigianato, moda, dj, vj). 
Il nome che ha permesso tutto questo è Giuseppe Casa, musicista polistrumentista, che ha dato vita a un’etichetta discografica sempre attenta alla performance e alla multidisciplinarità, per rinnovare il panorama musicale italiano. Un percorso questo che parte da una nuova attenzione verso la dimensione del live e che riapproderà alla Factory della Pelanda. Ribattezzata poi ScuderieMArteLabel, la factory – spin off della già consolidata agenzia multidisciplinare ScuderieMArteLive – anche stavolta si comporrà di fotografi, fumettisti, pittori, grafici, ballerini, acrobati, circensi, artigiani, videomaker, scenografi, attori, performer, fashion stylist. Un grande universo artistico, quindi, che sa dare vita a un prodotto ibrido ed eclettico basato sul principio "dell’arte che aiuta l’arte”. (Diletta Cecili)
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram